Non illudiamoci, il sistema è costruito perfettamente per resistere a qualsiasi inchiesta...... quasi tutti rimarranno al loro posto, continueranno a chiedere mazzette e rubare

Napoli
14:45 del 13/03/2016
Scritto da Carmine

Non illudiamoci, il sistema è costruito perfettamente per resistere a qualsiasi inchiesta...... quasi tutti rimarranno al loro posto, continueranno a chiedere mazzette ( perchè non è il contrario) 3 o 4 sfigati saranno messi in pensione anticipata (retributiva) e tra 5/6 anni un nuovo scandalo e una nuova Dama Nera!!!!

Si finge di metterli in galera, ma le galere sono praticamente vuote di politici, non sarà per questo che si continua a rubare?

Diciannove persone arrestate, tutti dirigenti e funzionaridell’Anas e imprenditori titolari di appalti di opere pubbliche di primaria importanza. Tra gli indagati c’è anche un politico. Si tratta di Marco Martinelli di Forza Italia, già eletto alla Camera conAlleanza Nazionale che è anche vicepresidente dellaFondazione della libertà per il Bene Comune presieduta dall’ex ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli (non indagato), ente scelto dagli indagati come sede per alcuni Incontri chiave. A Martinelli gli inquirenti contestano i reati di concorso in turbativa d’asta e corruzione. In particolare nell’ordinanza si parla del suo ruolo di intermediario politico con il costruttore siciliano Giuseppe Ricciardello (indagato dallo scorso ottobre, oggi ai domiciliari) a proposito di alcuni appalti dell’Anas in Sicilia. L’imprenditore, padre del sindaco di Brolo Irene Ricciardello e suocero dell’onorevole regionale Nino Germanà, aveva chiesto a Martinelli anche un intervento di Matteoli, ma soprattutto ha consegnato alla dama nera delle tangenti Anas, Antonella Accroglianò, un anticipo di 30mila euro per “l’interessamento svolto”. La somma, alla quale si sarebbe aggiunto il saldo di 270mila euro, è stata divisa dalla destinataria in tre quote di 10mila euro l’una: una per sé, una per Martinelli e una perElisabetta Parise, dirigente delle risorse umane dell’Anas che nel 2013 era candidata in Consiglio comunale a Roma con la Lista “Alfio Marchini Sindaco”.

I provvedimenti cautelari sono stati eseguiti per le ipotesi di reato dicorruzione per l’esercizio della funzione e per atto contrario ai doveri d’ufficio, turbata libertà degli incanti, autoriciclaggio, favoreggiamento personale e truffa. In carcere sono finiti Oreste De Grossi, Giovanni Parlato e Sergio Lagrotteria; gli arresti domiciliari sono invece stati disposti per la Accroglianò, Concetto Bosco Lo Giudice, Emiliano Cerasi, Giuseppe Colafelice (attualmente all’estero), Francesco Domenico Costanzo, Antonino Ferrante, Vincenzo Loconte, Carmelo Misseri, Andrea Musenga, Elisabetta Parise, Vito Rossi, Giovanni Spinosa, Paolo Tarditi, Antonio Valente, Sergio Vittadello e Ricciardello. I provvedimenti sono stati emesso dalle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma. Nel corso dell’operazione sono state sequestrate disponibilità finanziarie per circa 800mila euro – derivanti dalla corruzione – ed effettuate oltre 50 perquisizioni negli uffici e nelle abitazioni di una cinquantina di persone coinvolte.


L’operazione, denominata “Dama nera 2″, ha visto impegnati oltre 250 finanzieri e rappresenta la seconda tranche dell’inchiesta scattata a ottobre dell’anno scorso sulle mazzette pagate dagli imprenditori destinatari degli appalti ai funzionari dell’Anas, tanto che molti dei destinatari sono soggetti già colpiti dai provvedimenti dello scorso autunno. Tra questi Antonella Accroglianò, capo del coordinamento tecnico-amministrativo della società pubblica delle strade soprannominata appunto dama nera per i suoi modi di fare autoritari. Era la dirigente a gestire quello che il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone ha chiamato “ufficio mazzette” nel quale “va in ufficio tutti i giorni ma il suo principale lavoro è gestire questo flusso di corruzione, trattar male chi ritarda i pagamenti”. Ed è proprio sulla base delle sue ammissioni e dei successivi riscontri e verifiche effettuati dagli uomini del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Roma, che sono scattati i provvedimenti di oggi.

Emblematica la sintesi operata dal gip che nel suo provvedimento parla di “un marciume diffuso all’interno di uno degli enti pubblici più in vista nel settore economico degli appalti”, reso ancora più “sconvolgente” dalla facilità di intervento del sodalizio per eliminare una penale, aumentare interessi e facilitare il pagamento di riserve, nonché, ancora più grave, far vincere un appalto ad una società “amica”, a discapito di altre risultate più meritevoli. “Il mercimonio della pubblica funzione – sostiene poi la Guardia di Finanza – e la sistematicità dell’asservimento della medesima sono stati i tratti essenziali che hanno caratterizzato per anni” l’operato dei pubblici funzionari dell’Anas che sono stati arrestati. In cambio di questo mercimonio, i dirigenti, ma anche il deputato di Forza Italia indagato, “hanno ottenuto utilità e provviste corruttive dai titolari di aziende affidatarie di commesse di opere pubbliche di interesse nazionale”. Utilità che, secondo quanto è stato accertato, sono pari alle disponibilità finanziarie sequestrate, circa 800mila euro. Le perquisizioni sono state effettuate nel Lazio, in Sicilia, in Calabria, in Puglia, in Lombardia, in Trentino-Alto Adige, in Piemonte, in Veneto, in Molise e in Campania. Perquisite anche le sedi Anas di Roma, Milano e Cosenza. Durante le perquisizioni sono stati sequestrati anche 225mila euro in contanti.

Tra gli appalti irregolari, Guardia di Finanza evidenzia quello per l’itinerario basentano, compreso il raccordo autostradale Sicignano-Potenza, per la Ss 117 Centrale Sicula (cofinanziata dalla Regione Sicilia), entrambi aggiudicati nel 2014, per la Ss 96 Barese e per la Ss 268 del Vesuvio, entrambe aggiudicate nel 2012, e anche per la realizzazione della nuova sede Anas di Campobasso, opera aggiudicata nel 2011. Non a caso tra gli arrestati figura il costruttore molisano Giovanni Spinosa di cui sono state perquisite abitazione e azienda. Ricordiamo(perché é doveroso in quanto si sta FACENDO FINTA DI NIENTE) che Matteoli é stato ELETTO Presidente della commissione Lavori Pubblici dagli Honesti 5 stelle che hanno preferito eleggere il loro amico pluriindagato di Forza Italia per fare un dispetto al PD come lo stesso Andrea Cioffi ha ammesso in un'intervista("l'importante é aver fatto uno sgambetto al PD").Quindi il pallista Di Ballista,Gli Honesti e i vari Norrin,Fabio,Daniel Fortesque,Redmachine,Cobra89,Alessandro e Artù dovrebbero avere la decenza di restare in silenzio ed evitare di rendersi ridicoli.Matteoli é stato eletto dagli Honesti quindi per piacere,abbiate un minimo di dignità e onestà intellettuale.


Il deputato Martinelli, invece, avrebbe garantito ad un imprenditore la nomina di un presidente di gara “non ostile” per un appalto in Sicilia. Grazie al suo intervento e in virtù del ruolo istituzionale ricoperto l’imprenditore si è poi aggiudicato l’appalto. Un ruolo di intermediazione viene contestato anche ad un avvocato romano arrestato, il quale, sempre secondo l’accusa, avrebbe fatto da intermediario, per conto di un’azienda romana, nella corresponsione alla Dama Nera di una mazzetta da 10mila euro in cambio della facilitazione nell’erogazione di pagamenti e nello sblocco di contenziosi tra l’impresa e l’Anas.

Più che marciume diffuso, bisognerebbe parlare di putrefazione...ma possibile che ci si accorga solo adesso di tutto questo? E se i politici che controllano tutti gli enti statali e le aziende pubbliche sono gli stessi dello scandalo ANAS, che ci si aspetta di diverso dalle altre parti? Basta cianciare di parte sana della politica e della P.A., non ci crede più nessuno, e scoperchiare finalmente tutto il verminaio!!


Articolo letto: 1868 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi di quest'ennesimo scandalo corruzione?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Galera - politica - politici - Corruzione - ANAS -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook