Corruzione al comune di Palermo: ecco cosa facevano alcuni dipendenti

Palermo
12:36 del 18/12/2014
Scritto da Gerardo

Ormai è qualcosa che sappiamo bene tutti. In Italia la corruzione ogni anno costa davvero tanto per le casse dello Stato ed è un male difficile da estirpare, soprattutto perché spesso è presente all'interno delle stesse istituzioni. Almeno su questa questione il Governo pare abbia voluto insistere, affidandosi ad una personalità importante.

Raffaele Cantone, infatti, giudice che per anni ha combattuto a Napoli contro la criminalità organizzata, è stato nominato da Renzi lo scorso marzo presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione con il compito di garantire l'efficienza e la trasparenza delle pubbliche amministrazioni italiane e con l'obiettivo di prevenire, appunto, il fenomeno della corruzione.

Al comune di Palermo alcuni dipendenti avevano creato un sistema di tangenti sulle tasse sui rifiuti. I dipendenti dell'ufficio imposte erano riusciti a cambiare la posizione dei contribuenti. Sono scattati 15 arresti, a finire in manette anche alcuni medici e commercianti. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, istigazione alla corruzione, truffa e falso materiale.


Articolo letto: 701 volte
Categorie: Cronaca, Politica, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook