Contratto a tutele crescenti entrato in vigore: ecco i dettagli. Su tutti i contratti a tempo indeterminato stipulati dal 7 marzo 2015 si applica la disciplina relativa al contratto a tutele crescenti

Roma
14:45 del 10/03/2015
Scritto da Gerardo

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2015 del Decreto Legislativo n. 23 del 4 marzo 2015, entrano in vigore le disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Il Decreto legislativo è legge, entra in vigore dal 7 marzo 2015.

Pertanto su tutti i contratti a tempo indeterminato stipulati dal 7 marzo 2015 si applica la disciplina relativa al contratto a tutele crescenti. Le novità riguardano la disciplina del licenziamento e le tutele crescenti appunto, ossia la possibilità di ottenere in caso di licenziamento dichiarato illegittimo un indennizzo economico certo e crescente al crescere dell’anzianità di servizio.

L’indennizzo in caso di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo, nel caso in cui il lavoratore riesca a dimostrare l'illegittimità del licenziamento stesso, è pari a due mensilità dell’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a quattro e non superiore a 24 mensilità.


Addio tutele dell'articolo 18. Le tutele crescenti in termini di indennizzo economico portano all'addio della tutela reale dell'art. 18 dello Statuto dei lavoratori. Con l’entrata in vigore del Decreto è sostanzialmente esclusa la possibilità di ottenere la reintegrazione nel posto di lavoro, salvo alcuni casi particolari come i licenziamenti dichiarati nulli e/o discriminatori. Per maggiori informazioni vediamo la normativa sul licenziamento dopo il Job Act.

Ecco la nuova indennità di disoccupazione di durata fino a 24 mesi. A partire dalla stessa data del 7 marzo, è entrato in vigore un altro importante decreto, il D. Lgs. n. 22 del 4 marzo 2015, contenente la riforma degli ammortizzatori sociali. Per i lavoratori licenziati entra in vigore la Naspi, che è una nuova indennità di disoccupazione che può spettare fino a 1.300 euro per una durata di 24 mesi. Per i collaboratori a progetto entra in vigore la Dis-Coll. Per maggiori informazioni visitate la nuova Aspi in vigore.


Articolo letto: 1048 volte
Categorie: Lavoro, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensate del contratto a tutele crescenti?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook