Pensione a 62 anni con “quota 100”: come funziona la proposta di Matteo Salvini

Bari
05:00 del 14/09/2018
Scritto da Gerardo

Pensione a 62 anni con “quota 100”: come funziona la proposta di Matteo Salvini– di Charlotte Matteini

Il vicepremier Matteo Salvini ha lanciato una proposta che prevede l’introduzione della cosiddetta “quota 100” con età minima pensionabile pari a 62 anni, due in meno rispetto ai 64 anni minimi prospettati dall’iniziale proposta della maggioranza di governo.

Dal 2019, i cittadini potrebbero andare in pensione al compimento dei 62 anni a patto che abbiano almeno 38 anni di contributi versati.

Con l’avvicinarsi della legge di bilancio, il governo sta studiando una riforma delle pensioniche permetta di abbassare l’età pensionabile e di superare l’attuale legge Fornero.

Pochi giorni fa, il vicepremier Matteo Salvini ha lanciato una proposta che prevede l’introduzione della cosiddetta “quota 100” con età minima pensionabile pari a 62 anni, due in meno rispetto ai 64 anni minimi prospettati dall’iniziale proposta della maggioranza di governo.


Ma come funzionerebbe questa quota 100 che Salvini vorrebbe implementare?

In sostanza, stando all’annuncio del vicepremier, dal 2019 le persone potranno andare in pensione a partire dai 62 anni a patto che la somma degli anni di contribuzione unita all’età minima prevista raggiunga la somma 100 (62+38).

La “quota 100”, stando alle intenzioni del governo, dovrebbe essere inserita nella legge di bilancio che il parlamento dovrà approvare entro il 31 dicembre per entrare in vigore nel 2019.

Inizialmente, però, l’esecutivo prevedeva una serie di paletti – ad esempio la restrizione della platea a specifiche categorie di lavoratori – per abbassare il costo della riforma e l’impatto sui conti pubblici, ma il ministro Salvini punta invece a rendere la “quota 100” universale in tempi molto stretti, ovvero entro il 2021.

Quota 100 pura dal 2021

In pratica, la legge di bilancio per il 2019 consentirà solo a chi ha già compiuto 62 anni di andare in pensione con almeno 38 anni di contribuzione, ma dal 2021, nelle intenzioni di Salvini, sarà possibile andare in pensione con la “quota 100” pura, ovvero sarà sufficiente che la somma di età e contribuzione faccia 100, senza porre un’età pensionabile minima.

In questo modo, si potrà andare in pensione, ad esempio, anche a 58 anni con 42 anni di contributi versati.

Al vaglio dell’esecutivo rimane comunque la proposta della “quota 100” con età minima pensionabile posta a 64 anni, ovvero la possibilità di andare in pensione al compimento del sessantaquattresimo anno di età a patto che il contribuente abbia un congruo numero di anni contributivi tale da raggiungere somma 100.

Da: QUi

 


Articolo letto: 383 volte
Categorie: , Economia, Nuove Leggi, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook