Una casa nel mar dei Caraibi? Un sogno per molti ma anche una realtà per investitori facoltosi, alla ricerca di mete sicure e redditizie in cui diversificare il proprio portafoglio di investimenti immobiliari.

Firenze
07:00 del 23/08/2019
Scritto da Samuele

VANTAGGI DI COMPRARE CASA AI CARAIBI - Chi compra casa ai Caraibi può ottenere incentivi molto interessanti. Perché conviene se avete le possibilità.

Per chi può permetterselo questo è il momento giusto per investire nel mercato immobiliare ai Caraibi, spiegano i consulenti finanziari. Le isole caraibiche offrono varie opportunità sia nei prezzi delle case, che sono scesi, sia negli incentivi fiscali a chi compra casa. Alcune isole, inoltre, concedono speciali permessi di residenza e addirittura la cittadinanza.

VANTAGGI DI COMPRARE CASA AI CARAIBI -Queste opportunità sono offerte agli investitori facoltosi ma non troppo. Insomma, chi ha una certa somma da investire potrebbe farci un pensiero sul comprare casa ai Caraibi. Questi luoghi sono sempre ricercati grazie alla bellezza paradisiaca dei loro paesaggi, tra spiagge bianche di sabbia soffice, acque cristalline e vegetazione rigogliosa. Il clima, poi, permette di fare attività balneare tutto l’anno, periodo degli uragani escluso.

Dopo le devastazioni dell’uragano Irma del 2017, numerose isole stanno completando la ricostruzione e hanno avviato incentivi all’acquisto di immobili. Il mercato è in ripresa e questo è il momento ideale per comprare casa prima che i prezzi diventino troppo elevati, come spiega Knight Frank, broker internazionale specializzato in proprietà di lusso.

Sono St. Barts e Bahamas (in località come Ocean Club, Old Fort Bay, Lyford Quay e Albany) a muovere maggiormente il mercato immobiliare di pregio. Secondo Knight Frank, Barbados offre oggi buone opportunità di acquisto. I prezzi hanno avuto una sensibile correzione e sono ancora lontani dai livelli del 2008, rappresentando un buon affare in vista di un recupero che non dovrebbe tardare, poiché l’elezione del nuovo Governo nel 2018 e un piano di ristrutturazione radicale del debito sono elementi che stanno piacendo agli investitori internazionali. L’anno in cui i prezzi sono precipitati è stato il 2011, con una correzione drastica di circa il 35%, mentre tra il 2013 e il 2014 si è visto un forte recupero, poi smorzato dagli andamenti successivi. Però il turismo nell’isola va molto bene, con 663.511 arrivi nel 2017 e una crescita nel 2018, contro i 509mila circa del 2013. In termini di redditività, sono le grandi proprietà a essere pagate di più per gli affitti a uso vacanza. Una casa con dieci posti letto viene affittata a una media di 10.700 euro a settimana in estate e a 16.860 euro in inverno.


VANTAGGI DI COMPRARE CASA AI CARAIBI -Knight Frank sottolinea che il prezzo mediano di un appartamento in condominio fronte mare nella zona occidentale è intorno ai 5.500 euro al metro, dopo un declino del 28% della stessa tipologia di appartamenti nel 2010-2017. In termini di rendimento l’affitto medio settimanale di una villa con quattro camere da letto è a quota 1.525 dollari (circa 1.370 euro). «Le vendite di case di lusso alle Bahamas sono scese leggermente – spiega Edward de Mallet Morgan, head del Knight Frank's Caribbean Desk – ma i compratori provenienti da Usa, Uk e dai Paesi scandinavi restano attivi».

La piccola e lussuosa isola di Mustique, sede del Cotton House Hotel e di circa 120 ville, ha visto un indaffararsi di compratori, ma per un motivo piuttosto semplice: non esistono quasi più lotti di terreno liberi e in vendita. «Le transazioni a St. Barts sono in una fase di rafforzamento – continua Edward de Mallet Morgan – con significativi investimenti verso l’isola, anche per ristrutturare alcuni degli hotel-simbolo, come l’Eden Rock».

Le facilitazioni dei permessi migratori e quelle fiscali sono un elemento che attrae gli investitori internazionali in case di lusso. In proposito, a Barbados è possibile ottenere un permesso speciale (Special entry reside permit) per cinque anni se si è in procinto di diventare un proprietario immobiliare nell’isola. Altre isole, invece, hanno trattamenti fiscali molto allettanti: le Bahamas e le Isole Vergini britanniche hanno zero imposte sui redditi personali e sui capital gain e nessuna tassa di successione. St. Kitts e St. Nevis, St. Lucia, Antigua e Barbuda, Dominica e Grenada offrono poi la cittadinanza a fronte di investimenti diretti da parte di stranieri. Insomma, mare da sogno, natura lussureggiante e spiagge coralline non sono l’unico appeal di un investimento ai Caraibi.


Articolo letto: 152 volte
Categorie: , Curiosità, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook