La depressione, per chi ancora non lo sa, è uno dei mali più brutti che ci possa capitare (ed è una malattia). Ecco come uscirne.

Torino
17:00 del 23/10/2014
Scritto da Gerardo

La depressione è il segnale che manda la mente al corpo per dirci che stiamo vivendo una vita che non è la nostra,  che non possiamo andare avanti così, che stiamo passando un periodo molto difficile e che dobbiamo assolutamente rimediare a questo. Di consuetudine, se non la si vive non si capiscono i motivi che portano determinate persone a fare talvolta delle sciocchezze per cui invitiamo coloro dal giudizio facile di smetterla. Il problema viene molte volte dalle radici, cioè dalla famiglia, dal modo in cui si è stati cresciuti, dagli esempi di vita che sono stati dati, dalla cultura e dalla società del paese in cui si è cresciuti, dall'eventuale religione. 

Molte persone evitano di parlare del loro stato con le persone a loro vicine. Anche in questo caso non possiamo giudicare. Ciò che invece possiamo consigliarvi è scrivere una lettera elencando tutti i vostri problemi e lasciarla lì, in attesa che qualcuno la legga e possa trovare un rimedio alla nostra condizione.

Siamo stati, chi più chi meno, tutti depressi perché spesso la depressione ha origine oggettiva, cioè può essere provocata da un lutto, un insuccesso, un problema concreto per intenderci e può essere risolta se si risolve il problema al suo nascere. Se però insorge senza motivazione concreta e priva della volontà di vivere, di fare, di gioire e causa uno stravolgimento della vita fino a suggerire mosse di autolesionismo allora la causa è più profonda e bisogna andare a cercarla dentro di se a costo, addirittura, di farsi del male. 

Un cosa concreta che si potrebbe fare è porsi la domanda “ cosa posso fare per uscirne adesso “. Ci sono persone che portano con se la depressione e magari non vogliono cacciarla dalla loro vita. Se ci poniamo questa domanda vediamo in determinate cose la risposta. Inconsciamente sentiremo le risposte dentro di noi. La persona che ci fa stare male ci farà sentire nella nostra testa “allontana questa persona perché è lei che ci fa stare male”.

Gli psicologi e gli psichiatri possono aiutarti .Devi consultarli in fretta però, prima che tu sia invaso dalla depressione al punto di non riuscire a vivere una giornata normale, in quel caso la terapia è più lunga e complessa. Diciamo questo perché la depressione non deve assolutamente esser sottovalutata perché si tratta di una vera e propria malattia e come tutte le malattie va curata, magari anche con farmaci ( prescritti dal medico, non di nostra scelta ).

Dei veri e propri consigli per uscire dalla depressione non esistono. Questo perché ogni persona vive una situazione drammatica soggettiva. Tuttavia ponendoti queste domande e chiedendoti la natura del tuo male potresti cominciare a capire il mezzo per dire fine alla malinconia. Non negarla e non ignorarla è il primo grande passo da fare in queste situazioni. Se nemmeno con l’aiuto delle persone a te care risolvi il problema, ribadiamo che l’aiuto di uno specialista è la soluzione migliore.


Articolo letto: 666 volte
Categorie: Guide, Medicina, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook