Secondo una ricerca americana molte persone danno poco peso a quei sintomi che potrebbero anticipare un danno celebrale come l'ictus.

Torino
09:38 del 14/01/2016
Scritto da Alberto

Secondo una ricerca americana molte persone danno poco peso a quei sintomi che potrebbero anticipare un danno celebrale come l'ictus. Rinviano la richiesta di soccorso solo a quando la situazione è più grave. Le tre ore che seguono i primissimi sintomi dell'ictus sono cruciali: arrivare il prima possibile in ospedale per ricevere le prime cure significa poter ridurre al minimo i danni o addirittura tornare alla condizione normale pre-ictus. Di seguito le principali indicazioni su questa importante patologia, per essere più preparati sui primi sintomi e cosa fare in caso di sospetto attacco. 

Quanti tipi di ictus esistono? - Prima di tutto bisogna distinguerli. Quello ischemico è la forma di ictus più comune, provocato da un trombo o un embolo che ostruisce un'arteria del cervello. Questo trombo può formarsi direttamente in quel vaso oppure può arrivarci da altri distretti del corpo attraverso il circolo sanguigno. L'ictus emorragico è la forma di ictus più rara ma più pericolosa. Viene scatenato dalla rottura della parete di un'arteria del cervello, che provoca una emorragia cerebrale difficile da bloccare. Il mini-ictus-tia è l'attacco ischemico transitorio. È un calo temporaneo nell'afflusso di sangue al cervello, sufficiente a determinare qualche sintomo che regredisce nel giro di 24 ore. È un importante campanello d'allarme per un ictus più importante.

Sintomi - Debolezza o intorpidimento di faccia, braccia o gambe, soprattutto di un lato del corpo. Vertigini, difficoltà a camminare, perdita di equilibrio e coordinazione. Confusione, difficoltà nel parlare e nel capire.Problemi alla vista e fortissimo mal di testa senza causa apparente.

Fattori di rischio - Vi sono casi non modificabili come l' invecchiamento, la predisposizione familiare e il genere maschile.  Ma ci sono anche casi cronici come chi soffre di ipertensione arteriosa, colesterolo alto e diabete. 

Prevenzione - Secondo le nuove linee guida americane sulla prevenzione primaria dell'ictus, un corretto stile di vita è il "farmaco" più potente. Le principali raccomandazioni degli esperti sono ridurre i cibi salati, quelli ricchi di grassi saturi e aumentare le quantità di frutta e verdura. Smettere di fumare e cercare di evitare anche il fumo passivo. Fare più movimento ed evitare la sedentarietà. Monitorare regolarmente la pressione arteriosa e mantenerla sotto la soglia dei 140/90 mm Hg.


Articolo letto: 1220 volte
Categorie: Guide, Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Ictus - salute - rimedi naturali - malattie -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook