I brividi che provi ascoltando musica dipendono dall'attivazione del sistema limbico, ovvero dall'attivazione emotiva. 

Palermo
08:00 del 19/06/2017
Scritto da Carmine

I brividi che provi ascoltando musica dipendono dall'attivazione del sistema limbico, ovvero dall'attivazione emotiva. 
Le cause di questa attivazione sono intriganti, da richiami della memoria (specialmente emotiva, in modo analogo all'annusare una fragranza che ci ricorda emozioni e ambienti del passato), a pattern molto più complessi di apprezzamento musicale (se ascolto tutto il giorno tutti i giorni musica hardcore, avrò pattern diversi rispetto a chi ascolta tutto il giorno musica hip hop. Questi pattern possono cambiare col tempo, e spesso essere più flessibili. Un pattern consente di massimizzare il valore dei dettagli della musica che ci piace e minimizzare il valore dei dettagli della musica che non ci piace. Se non mi piace il Jazz, tenderò a riconoscere le canzoni jazz come tutte uguali).
L'attivazione emotiva è soggetta ad assuefazione, per cui sottoporre lo stesso stimolo n volte, avrà un effetto decrescente.



Un fenomeno interessante è quello per cui una canzone, ascoltata le prime volte non ci attiva particolarmente, mentre ascoltata la sesta, ottava, ventesima volta provoca in noi una sorta di insight emotivo, per cui stabiliamo (sempre a livello emotivo, ben poco razionale) che ci fa impazzire e la vogliamo risentire all'infinito. E' una cosa che capita anche nei rapporti con le persone (pensiamo al fenomeno dell'innamoramento). 
Spesso ciò che più ci ammalia nella musica è riconoscere dei propri stati interni, espressi da altri, in una modalità in cui non eravamo in grado di esprimerli. Questo porta a un forte senso di sollievo e di gratificazione, nonchè a una sorta di fidelizzazione con l'artista (che consideriamo, a seconda del livello di emozioni che riesce a suscitare, come un eccellente comunicatore di stati interni difficilmente descrivibili, labili, impalpabili, ma quantomai importanti).

Dei ricordi passati, possiamo stancarci: non si tratta di separarcene, consiste nel crearne di nuovi che integrino quelli che già abbiamo. Non possiamo lasciare che il libro termini prima del previsto, dobbiamo piuttosto saper approfittare di ogni sua pagina e scrivere tutto ciò che possiamo.

Qualora abbiate i brividi, quindi, lasciatevi permeare e riempire. Se vi hanno reso felici, non fatevi domande: si vive per sentire. Non contraddite mai un brivido, non ignoratelo. Non desiderate fuggirgli, non è mai la risposta.


Articolo letto: 431 volte
Categorie: , Musica, Scienze


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook