Quando si esegue la formattazione della memoria di un PC, di un Mac, di uno smartphone o di un tablet prima di rivenderli , i dati presenti non vengono cancellati totalmente.

Crotone
13:30 del 25/01/2018
Scritto da Gerardo

Quando si esegue la formattazione della memoria di un PC, di un Mac, di uno smartphone o di un tablet prima di rivenderli , i dati presenti non vengono cancellati totalmente. Il software si limita a rendere “sovrascrivibile” il disco, senza procedere fisicamente alla rimozione dei dati presenti. Con i programmi giusti, il successivo proprietario del dispositivo potrebbe recuperare informazioni sensibili. Su PC Windows e Linux si possono utilizzare programmi specializzati per la formattazione sicura, mentre su Mac si possono selezionare varie opzioni di riscrittura dei dati sull’hard disk direttamente dal tool “Utility Disco”, integrato su macOS.  

Su iPhone e iPad la procedura di formattazione è già sicura, mentre su dispositivi Android più datati potrebbe servire un passaggio in più per impedire il recupero dei dati. 

Formattazione sicura di iPhone e iPad  

Sui dispositivi iOS il ripristino dei dati di fabbrica è sufficiente a cancellare in maniera sicura i dati presenti sul telefono o sul tablet.  

Per avviare la procedura di inizializzazione del dispositivo aprite le Impostazioni, fate tap su Generali e poi su Ripristino (in fondo alla lista). Da questo menu selezionate “Inizializza contenuto e impostazioni”. Vari messaggi successivi vi chiederanno di confermare l’operazione. Per procedere alla formattazione vi verranno richieste le credenziali di accesso ad iCloud, in modo che il dispositivo possa disattivare “Trova il mio iPhone” prima di procedere al ripristino.  

La procedura è rapida, perché il disco non viene effettivamente sovrascritto. Ciò nonostante il ripristino rende impossibile qualsiasi operazione di recupero, perché iOS cripta in automatico tutti i dati presenti sul dispositivo. L’inizializzazione cancella la chiave crittografica necessaria alla decodifica rendendo di fatto impossibile qualsiasi tentativo successivo di lettura delle informazioni. 

Formattazione sicura su Android  

Dalla versione 6.0 di Android la crittografia del dispositivo è impostata di serie su tutti i nuovi smartphone. Se un telefono o un tablet sono stati aggiornati ad Android 6.0 da una versione precedente, però, ci sono buone possibilità che il dispositivo non sia ancora criptato. In questo caso l’operazione di ripristino dei dati di fabbrica non è sufficiente ad assicurare che i dati non possano essere recuperati.  

Prima di procedere alla formattazione dello smartphone o del tablet assicuratevi dunque che la crittografia del dispositivo sia attiva: aprite le impostazioni e poi il pannello Sicurezza. Da qui verificate lo stato dell’opzione “Cripta telefono” o “Cripta tablet” e se necessario avviate l’operazione di codifica. Verrete guidati all’impostazione di una password e dovrete poi attendere circa un’ora per il completamento dell’operazione. Assicuratevi che il livello della batteria del dispositivo sia al massimo oppure, per evitare qualsiasi rischio, collegate il dispositivo all’alimentazione.  

Una volta completata la codifica potrete procedere alla formattazione sicura del dispositivo. L’opzione è disponibile nel menu Generali > Backup e Ripristino > Ripristino dati di fabbrica. Assicuratevi naturalmente di aver effettuato un backup del dispositivo prima di procedere all’inizializzazione. 

Da: QUI


Articolo letto: 190 volte
Categorie: , Guide, Informatica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook