Come calmare la tosse? Uno dei disturbi di stagione più frequenti è sicuramente la tosse, che può essere di due tipologie, secca o grassa

Firenze
07:10 del 29/02/2016
Scritto da Carla

Come calmare la tosse

Uno dei disturbi di stagione più frequenti è sicuramente la tosse, che può essere di due tipologie, secca o grassa. Si Manifesta come conseguenza di numerose malattie che provocano un'irritazione delle vie aeree e, talvolta, un'eccessiva produzione di muco.  Stiamo parlando ad esempio della comune influenza, ma anche della bronchite o dell'asma.  La tosse è un meccanismo di difesa, che il nostro organismo mette in atto per eliminare sostanze irritanti dalle vie aeree come polvere, fumo o muco.  

Come calmare la tosse

La tosse secca è detta anche produttiva, ossia se fa uscire saliva, muco o altre sostanze.  La maggior parte delle volte, la tosse è acuta ed è causata da un'infezione della condotta respiratoria.  Può essere causata da cibo che entra nella trachea invece che nell'esofago; nel caso di pazienti che hanno difficoltà a deglutire può essere dovuta a un malfunzionamento dell'epiglottide. Il fumo e l'inquinamento dell'aria sono cause comuni di tosse.  Se un paziente è un non-fumatore e dalle radiografie ha un torace sano, le tre cause più comuni di tosse cronica sono: ASMA, DISTURBI DEL REFLUSSO GASTROESOFAGEO, Sinusite.  Altre cause possono essere una BRONCHITE cronica, problemi cardiaci, medicinali come gli ACE-inibitori.  Poiché la tosse è un riflesso naturale protettivo, sopprimerlo può avere effetti deleteri, specialmente se la tosse è produttiva. Inoltre, la tosse può richiedere cure specifiche.  Queste devono essere indirizzate il più possibile alla causa, per esempio smettere di fumare e non assumere ACE-inibitori. Alcuni pazienti potrebbero preoccuparsi circa l'insorgere di malattie gravi, e una rassicurazione può bastare.  I farmaci che sopprimono la tosse come la codeina o il destrometorfano sono prescritti di consueto.  Altre terapie possono mirare a sedare un'infiammazione delle vie respiratorie o favorire ad espettorare il muco. Mentre nel secondo caso può essere definita anche BRONCHITE ACUTA, ovvero sia, è la forma acuta della bronchite, un'infiammazione tracheo-bronchiale.  Attualmente si ritiene che la causa principale della bronchite acuta sia virale, ma solo in una minoranza di pazienti sono stati isolati i virus.  In genere è una forma di lieve entità con guarigione finale completa, ma in persone debilitate ed in quelle con affezioni croniche polmonari o cardiache potrebbe rappresentare una complicanza critica.  Inoltre questo tipo di tosse si può dividere in due rami: Come calmare la tosse

A) BRONCHITE INFETTIVA ACUTA:  Si ha generalmente in inverno e può svilupparsi a causa di un banale raffreddore o di altre infezioni virali nasofaringee, dei BRONCHI o della gola.  È generalmente preceduta da un'infezione delle prime vie respiratorie, accompagnata da malessere, sensazione di freddo, febbre lieve, mal di gola e mal di schiena.  La comparsa di una tosse continua (inizialmente secca, ma produttiva di escreato nel giro di qualche giorno al massimo) è comunemente indicativa di un inizio di bronchite.  Solitamente dopo alcuni giorni l'escreato può assumere una forma più abbondante e mucosa. B) BRONCHITE ACUTA IRRITATIVA:  Polveri minerali, vegetali, esalazioni di acidi forti, ammoniaca, solventi organici volatili, coloro, acido solfidrico, bromo anidride solforosa, ozono, diossido di azoto, fumo sono tra i maggiori responsabili della bronchite acuta irritativa.  Generalmente questo tipo di irritazione si manifesta con una sintomatologia asmatica, variante tosse ed il suo trattamento è simile a quello dell'asma comune, in quanto causato da una iperreattività all'esposizione cronica ad irritanti o all'inalazione di un allergene.  

È possibile far ricorso ai rimedi naturali, senza quindi nessun tipo di elemento chimico, indi per cui cominciamo da quello classico, e famoso, cioè latte e miele.  Il latte, ricco di vitamine A e B, quando viene riscaldato assume delle proprietà emollienti e scioglie il miele, che grazie alle sue proprietà antibiotiche e antibatteriche è considerato un antibiotico naturale.  Per chi è di stomaco forte, ed i più coraggiosi, si può ricorrere anche ad un'infuso a base di aglio tritato e latte, utile non solo contro la tosse secca ma anche per l'ipertensione e i problemi gastrointestinali.  La fitoterapia invece, suggerisce l'uso di tisane a base di erbe con azioni calmanti come il tiglio la malva e la violetta che si possono reperire facilmente in tutte le erboristerie.  Dall'omeopatia infine possiamo attingere a sostanze quali: l'hepar sulfuris e l'aconitum napellus vi basterà parlarne con il vostro farmacista di fiducia per saperne di più.

Come calmare la tosse

1) Naturalmente è indispensabile non fumare per ridurre al minimo gli aggravamenti e i prolungamenti di questo sintomo.  Allo stesso modo è indispensabile mantenere la giusta umidità nell’ambiente, 40-60%, anche per prevenire la tosse. Dovreste cercare di evitare gli ambienti affollati e lavare spesso, non ossessivamente, le mani, per diminuire le infezioni virali. Ricordatevi sempre che tossendo molto disperdete molti liquidi e dunque dovete mantenere idratato più che mai il vostro organismo: bevete.

2) Molto utili sono anche, tutti i prodotti a base di glicerina, sciroppo di acacia, liquirizia e miele che attenuano l’infiammazione.

3) Numerose sono le tisane o preparazioni erboristiche dalle proprietà calmanti ed emollienti: ricordiamo l'altea, ricca di mucillagini, potete utilizzare lo sciroppo che attenua anche il mal di gola da tosse continua; la malva che riduce l’infiammazione delle mucose; il tiglio, il cui infuso di fiori secchi protegge la faringe durante la tosse secca; la violetta. Anche il timo è un potente antisettico e antitussivo così come il tassobarbasso, il finocchio, la piantaggine.  Basta far bollire 3 o 4 rametti di timo in 200 ml d’acqua, toglierli quando l’acqua diventa gialla e aggiungere 1 o 2 cucchiai di miele. Potete trovare tutti questi preparati anche in sciroppi o caramelle oltre che in preparati da tisana.

4) Un antico rimedio britannico della nonna, chiamato hot toddy, cioè toddy bollente, prevede una bevanda calda fatta con: miele, limone e rum.  Far scaldare lentamente il succo di due limoni, aggiungere un quarto di tazza di miele, lasciate intiepidire, aggiungete un po’ di rum e assumete un cucchiaio alla volta o mescolate e bevete con una tazza di te caldo. Come calmare la tosse

5) E’ sempre valido ed efficace il latte caldo o qualsiasi altra bevanda calda con del miele, da privilegiare quello di tiglio o eucalipto, che servirà ad umidificare la gola, a rendere più produttiva la nostra tosse per liberarcene quanto prima.  C’è chi consiglia di bollire 6 datteri in un litro di latte e bere nel corso della giornata al bevanda molto calda, sembra un portento.

6) Potete anche aggiungere un quarto di cucchiaino di cannella e un paio di foglie di alloro per potenziare l’effetto balsamico del miele, oppure un quarto di cucchiaino di semi di papaveo.

7) Utili anche i suffumigi con oli essenziali balsamici e disinfettanti come il cipresso, l'eucalipto, e la lavanda. Allo stesso modo potete anche far bollire diverse foglie o rami di eucalipto con il succo di un limone e fare un suffumigio.

8) Tra i rimedi omeopatici ricordiamo Aconitum Napellus, soprattutto quando è presente anche raucedine, Lycopodium Clavatum, quando sia implicata al laringe, Causticum, che aiuta anche i tutte le affezioni bronchiali, Sambucus Nigra, per difficoltà di respirazione o Bryonia, per calmare gli attacchi di tosse.  Per le modalità d’uso e dosi è bene rivolgersi al farmacista.

9) Sembra un po’ fuori moda ma la classica borsa d'acqua calda può davvero servire a decongestionare e lenire il petto provato dalla tosse persistente.  Attenzione a non ustionarvi, l’acqua deve essere calda, non bollente.

Come calmare la tosse 10) Potete provare queste due ricette naturali: preparare una miscela in parti uguali (20 grammi) di borrana, papavero, liquirizia, pino (gemme), timo serpillo, verga d'oro; 3 cucchiai da minestra di questo preparato per 1/2 litro di acqua; portare ad ebollizione; lasciare in infusione 10 minuti; filtrare e berne 3 o 4 tazze al giorno. In alternativa preparare una miscela in parti uguali di maggiorana, issopo, edera terrestre, veronica, coda cavallina, radici di liquirizia e fiori di farfare; usarne 2 cucchiai da minestra in 1 litro di acqua; far bollire per 10 minuti e filtrare; bere durante la giornata

Il fatto che sia possibile alleviare la tosse con i rimedi naturali è una cosa molto positiva, però non è detto che possano servire tutte le volte che sia necessario, perché in vari casi è obbligatorio fare ricorso al proprio medico; Come, ad esempio, quando nonostante i provvedimenti adotti la tosse persiste per diversi giorni e quando compare costantemente dopo sforzi non particolarmente intensi, in quest'ultimo caso infatti potrebbe rivelare una patologia cardiaca.


Articolo letto: 743 volte
Categorie: Salute


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook