Il traffico internazionale di sostanze stupefacenti nel quale è coinvolta Federica Gagliardi, l’ex dama bianca al seguito di Silvio Berlusconi fermata con 24 chili di cocaina a Fiumicino, sarebbe stato gestito direttamente da tre clan di Napoli.

Roma
05:20 del 29/09/2016
Scritto da Gregorio

Il traffico internazionale di sostanze stupefacenti nel quale è coinvolta Federica Gagliardi, l’ex dama bianca al seguito di Silvio Berlusconi fermata con 24 chili di cocaina a Fiumicino, sarebbe stato gestito direttamente da tre clan di Napoli. E ora la donna, che vuole fare tutti i nomi, fa tremare la Roma dei festini. Attori e politici nel mirino, scrive Affaritaliani.

Il traffico internazionale di sostanze stupefacenti nel quale è coinvolta Federica Gagliardi, l’ex dama bianca al seguito di Silvio Berlusconi fermata con 24 chili di cocaina a Fiumicino, sarebbe stato gestito direttamente da tre clan di Napoli. E ora la donna, che vuole fare tutti i nomi, fa tremare la Roma dei festini. Attori e politici nel mirino. Che però ora fanno tutti finta di non conoscerla. Un copione già visto.

La procura partenopea e gli investigatori hanno ‘bocche cucite’. Ciò che è certo è che il traffico di droga è vasto e coinvolgerebbe decine di persone. Si tratta di un’inchiesta avviata dal sostituto procuratore di Napoli, Pierpaolo Filippelli della Dda e che vede impegnate le forze dell’ordine da oltre un anno.


Federica Gagliardi avrebbe importato dal Venezuela 24 chili di cocaina che una cosca avrebbe poi provveduto a rivendere a sei milioni di euro e l’incarico le sarebbe stato affidato da un intermediario, probabilmente già con un nome e un cognome. Sul reato procederà la procura di Civitavecchia anche se c’e’ un continuo scambio di informazioni tra i pm napoletani e laziali. La donna, assistita dall’avvocato Nicola Capozzoli, nei prossimi giorni sarà sottoposta ad interrogatorio per convalida del fermo disposto. L’avvocato ha incontrato la sua assistita nel carcere femminile di Civitavecchia e non sarebbe entrato nel merito della questione in quanto la sua assistita sarebbe molto provata psicologicamente.

Il complice: secondo gli investigatori se una persona sbarca da Caracas e sa di avere 24 chili di cocaina nel trolley sa anche che qualcuno la salverà dai controlli. Magari facendola passare per il corridoio riservato al personale dello scalo, che porta direttamente all’uscita senza dover passare tutti i controlli.


Articolo letto: 974 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi dei politici italiani?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook