Zia dei bimbi morti in mare: “Padre di Aylan era ubriaco ed ha provocato l’incidente”

Bologna
15:00 del 11/09/2015
Scritto da Gerardo

Zia dei bimbi morti in mare: “Padre di Aylan era ubriaco ed ha provocato l’incidente”Secondo la donna il padre di Ayalan si era ubriacato prima di salire a bordo del gommone

L’immagine del corpo esanime di Aylan, annegato sulla spiaggia di Bodrum nella provincia turca di Mugla, ha suscitato un’ondata mondiale di solidarietà nei confronti dei migranti e dei profughi.

Un’immagine che è stata usata anche a sproposito.

La politica si è tuffata su di essa come gli sciacalli fanno con le carcasse.

Come è noto, il piccolo Aylan è morto insieme alla madre e al fratello di cinque anni nel tentativo di raggiungere la costa greca, mentre il padre è sopravvissuto alla tragedia. Insieme a loro sono morti anche Zaiba e Haidar, due bambini di origine irachena. Ora però interviene la zia dei due bambini iracheni, Zaiba e Haidar, che, sul quotidiano iracheno “shafaq news”, ha dichiarato che sarebbe stato proprio il padre di Aylan ad aver causato l’incidente dopo essersi ubriacato.


Articolo letto: 803 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Tarquinio

11/09/2015 16:16:31
tante domande tante parole ......e forse nessuno dirà la realta.............
4

Gennaro

11/09/2015 15:36:55
Dove sono le foto dei bambini straziati dalle bombe, anche nostre, in Iraq, Afghanistan ecc. e quelle dell'orrore dei neonati figli delle tonellate di uranio riversate in quei paesi?
4

Ricerche correlate

Bimbo - Omicidio - Profughi - Immigrati - Immigrazione -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook