Cina: Xinjiang, bilancio sale a 35 morti Uccise 24 persone da rivoltosi, 11 vittime tra ribelli

PECHINO
10:14 del 28/06/2013
Scritto da Luca

Cina: sale a 35 il bilancio delle vittime degli incidenti verificatisi mercoledi' scorso a Turpan, nell'instabile regione nordoccidentale del Xinjiang, abitata da una consistente minoranza di uighuri, etnia di lingua turcofona e di religione musulmana. Lo affermano oggi i media cinesi, le cui descrizioni lasciano immaginare una vera e propria battaglia. Secondo le ultime informazioni i rivoltosi hanno ucciso 24 persone, mentre le forze regolari a loro volta hanno ucciso 11 ribelli.


Articolo letto: 1385 volte
Categorie: Cronaca, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Matteo

28/06/2013 22:22:31
Complimenti a chi ha scritto questo articolo, perché tratta di una news occulta e semisconosciuta. La Cina dunque mostra uno dei sue mille volti e questa volta si evince una situazione tragica in un luogo periferico. Se nascesse in quella regione una guerra civile, non sarebbe una buona pubblicità per il Made in China nel mondo..
0

Albertone

28/06/2013 13:56:59
Sta diventando una tragedia quel che succede in un luogo geograficamente lontano rispetto a noi, ma per ragioni economiche e sociali molto più vicino di quel che si pensi. Ribelli e forze regolari sono termini che rimandano a guerra civile: se così fosse, la Cina potrebbe trasformarsi in una polveriera.
0

Ricerche correlate

Cina - Xinjiang - 35 - vittime - scontri - Uccise - persone - rivoltosi - ribelli -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook