A Firenze uno dei patrimoni storici ed architettonici più importanti della città dato in affitto una sera per 100mila euro. L'opinione pubblica si spacca: sfregio alla comunità o vantaggio per i cittadini...

Firenze
10:00 del 04/07/2013
Scritto da Albertone

Chiuso per cena. La dicitura era grossomodo questa, accompagnata da transenne e personale steward che invitava a tornare indietro indicando percorsi alternativi. Il Ponte Vecchio offside per i comuni mortali, per i turisti, per i fiorentini abituati a camminare su quel patrimonio storico ed architettonico della loro città cui tengono più delle loro stesse tradizioni.

Quando i più anziani se lo sono visto sbarrato, non transitabile ai pedoni, si dice che abbiano scosso la testa e dato segno di resa. Il sindaco, Matteo Renzi, già da alcuni giorni aveva preso una strada differente, destinata sì a far parlare, ma soprattutto a rischio “copiatura” in qualche altra città d’Italia. Il Ponte vecchio affittato alla Ferrari, ad uno di quei marchi che hanno scritto la storia del nostro Paese. A noleggiarlo un centinaio di associati che hanno così potuto mangiare, bere, chiacchierare e divertirsi sul Ponte Vecchio senza la presenza di curiosi, giovani e turisti che inevitabilmente si sarebbero affollati alla vista dei bolidi di Maranello e di quella sfilata tutto lusso ed eleganza. In cambio, naturalmente, Firenze ha portato a casa circa 100mila euro per l’affitto del Ponte dalle 17 alle 23, oltre al restauro gratuito (nel senso: pagato dal privato) di alcuni monumenti del centro per opere complessive pari a 20mila euro. Non solo: il sindaco Matteo Renzi ha parlato di un indotto per la città di circa un milione di euro, alcuni orafi hanno tenuto aperta la loro attività sperando nel colpo di fortuna e nell’acquisto mordi e fuggi di qualcuno dei convitati, le altre boutique del centro sono rimaste sul chi va là nell’attesa e nella speranza di veder piombare all’interno del negozio qualche vip giunto a bordo del Ferrari.

Soldi a palate dunque? Nemmeno per sogno. Il problema è come l’hanno presa i fiorentini, che pure del Ponte Vecchio possono usufruire per tutti gli altri giorni dell’anno. Su Facebook è persino spuntato un gruppo in cui si ricorda che il monumento è un bene pubblico, Beppe Grillo dal canto suo ha polemizzato con Renzi rinfacciandogli l’arrabbiatura dei propri cittadini, compresi i suoi elettori. E non è tutto. I fiorentini si sono spaccati in due, frazionati in chi bada alle casse della città e chi al patrimonio pubblico 365 giorni l’anno.

Due visioni opposte che aprono una questione nemmeno troppo secondaria di questi tempi: e se altre città d’arte facessero lo stesso? Se l’Arena di Verona venisse noleggiata per una cena privata, se il Colosseo si trasformasse in una discoteca estiva a rigorosa selezione all’ingresso, se Galleria Vittorio Emanuele a Milano venisse chiusa al pubblico per ospitare un aperitivo vip? Difficile dire come potrebbero reagire residenti, cittadini e stranieri. Certo è che anche Manifestazioni di questo genere producono curiosità, danno lustro e beneficio economico alle Amministrazioni, portano indotto per le attività commerciali del luogo.

Resta il nodo difficile da sciogliere: si può privare della libertà di godere di patrimoni dell’umanità in cambio di qualche migliaio di euro?


Articolo letto: 1717 volte
Categorie: Cultura, Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Luca

04/07/2013 12:31:56
Bello questo articolo, intriganti le variabili possibili risposte all'interrogativo finale, ma provo a mettermi nei panni del sindaco della città. Avere la possibilità di reperire fondi freschi per il restauro di beni storici di possono godere tutti i cittadini, soprattutto senza che sia necessario mettere le mani nelle tasche dei contribuenti, giustifica ampiamente il possibile malumore di chi si vede privato, ma solo momentaneamente, della possibilità di godere dei patrimoni dell'umanità. Probabilmente avrei fatto la stessa scelta, coraggiosa, di Renzi, che ha autorizzato la manifestazione nonostante fosse consapevole delle critiche, che puntualmente gli sono piovute addosso. Però, non vedrei di buon occhio una discoteca al Colosseo, questo no!
0

Ricerche correlate

firenze - ponte vecchio - cena - noleggio - associati ferrari - renzi -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook