Chiesa e sesso | Andiamo a scoprire il rapporto tra Santa sede e il mondo della sessualità

Roma
09:55 del 14/11/2014
Scritto da Gerardo

Giovanni Paolo II, in Amore e responsabilità, propugnava l’assoluta astinenza. «Se non riesci a trattenerti – dice – copula con tua moglie senza guardarla con voglia, e con atto fulmineo pensando ad altro». Nel medioevo, per annientare il piacere coniugale, la Chiesa proibiva il coito per circa la metà dell’anno, esortando gli sposi a congiungersi solo «con animo afflitto, dopo lunghi digiuni e stremati da giornate di duro lavoro». E poi si dice che la Chiesa cattolica non è sessuofobica. Cosa ne pensate? Credenti vi attenete a quanto disse Giovanni Paolo II? Andiamo a scoprire il rapporto tra Chiesa e mondo della sessualità.

La Chiesa Cattolica non approva il sesso se non con finalità procreative e questo è vero, ma solo in parte. Ovvero: con il termine Chiesa ci si riferisce alla chiesa come istituzione cristiana, compresa quella protestante e quella ortodossa. Per la Chiesa Protestante la volontà di procreare non è considerata un requisito base: anche se due persone non intendono avere figli, hanno diritto alla cerimonia religiosa e se due sono sposati solo in Comune, possono comunque accedere alla Comunione (Santa Cena per loro). Nella Chiesa Cattolica l'Eucaristia agli sposati solo con rito civile viene data solo se i due coniugi non hanno rapporti sessuali e carnali! Eppure, anche per la Chiesa Protestante e la Chiesa Ortodossa i rapporti prematrimoniali non sono condivisi, forse c'è più apertura, ma comunque non sarebbero ammessi.

Bisogna precisare poi che in NESSUNA RELIGIONE (Islam ed Ebraismo compresi) i rapporti prematrimoniali sono accettati. Questo perché l'unione carnale al di fuori del matrimonio viene considerata lussuriosa e disordinata e perché è col matrimonio che due "diventano una carne sola".  Va inoltre detto che per la Chiesa Cattolica e cristiana in generale, si prevede che il dono di se stessi all'altro debba includere l'integrità del dono e non un dono a metà (vale anche per gli uomini, come mi ha spiegato.

La chiesa vede il periodo del fidanzamento come quel periodo che porta alla maturazione dell'amore vero (inteso anche in senso religioso) della coppia. Tale maturazione viene sancita con il sacramento del matrimonio. Solo a questo punto il rapporto tra uomo e donna, giunto al momento culminate, sfocia nel sesso, espressione di quello che è l'amore tra le due persone che sono diventate una cosa sola.

Prima di questo istante il sesso viene considerato come un qualcosa che sta al di fuori dall'amore e quindi come atto egoistico volto al soddisfacimento del proprio desiderio e quindi svuotato della sua natura intrinseca volta allo scambio e al dono verso la persona amata. Non è del tutto corretto dire che la chiesa vieta i rapporti prematrimoniali, perchè la chiesa non vieta nulla, ma sicuramente li considera peccato, in quanto li considera svuotati del loro valore anche religioso.

FONTE: DONNA CERCA UOMO


Articolo letto: 1099 volte
Categorie: Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Sesso e chiesa -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook