I fatti risalgono all’agosto del 2009 quando laFlexider di corso Romania mette in mobilità 25 dipendenti in seguito alla dismissione di un ramo d’azienda, nello specifico quello dell’automotive.

Cagliari
07:40 del 08/07/2016
Scritto da Luca

EVVIVA, CGIL CONDANNATA! 300MILA EURO AI LAVORATORI, PERCHE’ NON DIFESI A DOVERE

Una vertenza contro il sindacato. Sembrerà una contraddizione in termini eppure è quel che accaduto a Torino dove, con una sentenza storica, la Corte d’Appello ha confermato la condanna al risarcimento di 15 operai della Flexider – società operante nell’industria meccanica, elettromeccanica, elettronica e siderurgica – nei confronti della Fiom. Il giudice ha quantificato i danni per complessivi 275mila euro; i lavoratori hanno ottenuto una cifra che oscilla tra i 5mila e i 30mila euro.

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

I fatti risalgono all’agosto del 2009 quando laFlexider di corso Romania mette in mobilità 25 dipendenti in seguito alla dismissione di un ramo d’azienda, nello specifico quello dell’automotive. Il provvedimento va impugnato in virtù dell’articolo 18 e i lavoratori vanno a bussare alla porta della Fiom per essere difesi. L’organizzazione diMaurizio Landini si mette subito a disposizione, purché tutti prendano la tessera del sindacato. Così fu, peccato che le pratiche per il reintegro vengono consegnate in ritardo rispetto ai 60 giorni dal licenziamento previsti dalla legge e così, da un giorno all’altro, i lavoratori si ritrovano a spasso.


Tutti tranne due, per i quali le carte erano state depositate in tempo utile. Di qui la decisione di 15 di coloro che si sono ritrovati a spasso, di rivolgersi a un avvocato e chiedere giustizia, questa volta proprio nei confronti del sindacato.

Così è avvenuto e ora, dopo sette anni anche la Corte d’Appello ha dato ragione ai lavoratori riconoscendo 198mila euro complessivi di risarcimento e altri 5mila, per ogni ex dipendente, per perdita di chance. Soddisfatto il legaleMichele Ianniello, che ha portato avanti la causa contro il principale sindacato dei metalmeccanici assieme alla collega Alessandra Beltramo: “Il giudice ha incrementato i risarcimenti, passati da una media di 4mila euro a testa a oltre 18mila – spiega Ianniello – anche perché, a differenza della sentenza di primo grado, non è stato riconosciuto il concorso di colpa dei lavoratori”. Un pronunciamento per certi versi storico, giacché si tratta della “prima causa di responsabilità nei confronti di un sindacato” prosegue il legale; per giunta vinta


Articolo letto: 1560 volte
Categorie: Cronaca, Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Cgil - Sindacati - Parassiti - Lavoro - Lavoratori - Precari - Crisi - Economia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook