In Italia, per tanti motivi, ci sono molti bamboccioni: una sentenza della Cassazione prende posizione contro di loro

Belluno
19:16 del 25/11/2014
Scritto da Gerardo

In Italia si parla sempre di bamboccioni o di mammoni, che dir si voglia. Si tratta di tutte quelle persone che, nonostante abbiano raggiunto un'età importante, continuano a vivere insieme ai loro genitori. In realtà, il fenomeno va analizzato nel dettaglio senza fare affidamento ai classici luoghi comuni.

C'è, infatti, da dire che molti giovani non possono permettersi di andare a vivere in una casa da soli perché senza un lavoro. Dunque, diventa inevitabile per queste persone continuare a vivere, in attesa di una sistemazione professionale, con i propri genitori. C'è anche l'altra faccia della medaglia, ovvero quelle persone che si trovano bene dai loro genitori e cercano di allontanare il più possibile il momento del distacco, con i genitori che spesso non fanno nulla per 'cacciare' i propri figli.

Una sentenza della Cassazione ha preso di mira proprio i bamboccioni. La causa del contendere di una coppia di Belluno che si è separata, infatti, riguarda la casa coniugale nella quale vivono ancora i due figli di circa cinquant'anni. Ebbene, la Cassazione ha sentenziato che i genitori non sono tenuti a mantenere per sempre i loro figli e che quest'ultimi devono contribuire alle spese familiari in relazione al loro reddito e in virtù del principio di autoresponsabilità.


Articolo letto: 838 volte
Categorie: Cronaca, Curiosità, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook