Prende il via oggi ad Amburgo il processo internazionale a carico dei due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dell'omicidio di due pescatori indiani mentre svolgevano una missione contro la pirateria

Roma
09:30 del 10/08/2015
Scritto da Gerardo

Prende il via oggi ad Amburgo il processo internazionale a carico dei due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dell'omicidio di due pescatori indiani mentre svolgevano una missione contro la pirateria. La prima udienza in un'aula di giustizia internazionale si svolgerà presso il Tribunale Internazionale del Diritto del Mare (Itlos), organo indipendente delle Nazioni Unite specializzato in sicurezza navale, diritti di pesca nelle acque internazionali e divisione delle acque territoriali nazionali.

In attesa della prima udienza Francesco Azzarello, ambasciatore d'Italia all'Aja, ha dichiarato all'Ansa che "l'India si è dimostrata aggressiva ma noi siamo estremamente determinati a far valere le nostre ragioni". Il diplomatico ha aggiunto: "L'Italia e l'India sono paesi tradizionalmente amici ma l'incidente del 15 febbraio 2012 ha purtroppo provocato una controversia giuridica complessa, difficile ed estremamente delicata". Già "nelle osservazioni sottoposte al tribunale giovedì scorso, la delegazione indiana ha Manifestato particolare aggressività".

L'ambasciatore ha quindi spiegato: "Prima di arrivare al ricorso alla giustizia internazionale, l'Italia ha tentato in tutti i modi, attivando canali informali e formali, in più direzioni, di trovare una soluzione concordata con l'India. La mancata intesa ha costretto il governo ad attivare a fine giugno scorso una procedura arbitrale internazionale. Poche settimane dopo ci siamo rivolti all'Itlos, chiedendo con procedura di urgenza, in attesa che l'arbitrato si concluda, che i diritti dell'Italia non vengano pregiudicati da esercizi giurisdizionali indiani, nonché il rientro di Salvatore Girone e la permanenza di Massimiliano Latorre in Italia".

Oggetto del contenzioso presso il Tribunale Internazionale è in particolare la presenza – o meno – della nave Enrica Lexie in acque internazionali. L'Italia sostiene che i due marò debbano essere giudicati da un tribunale italiano e, "poiché svolgevano funzioni ufficiali, devono godere della relativa immunità". L'India tuttavia sostiene che l'omicidio dei due pescatori sia avvenuto in acque nazionali e che di conseguenza il giudizio dei due militari italiani spetti a un proprio tribunale.


Articolo letto: 719 volte
Categorie: Cronaca, Esteri


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

India - Processo - Costituzione - Diritti -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook