La riforma avviata da papa Francesco sull'Istituto opere religiose con la nomina della commissione di controllo prosegue

Roma
10:39 del 02/07/2013
Scritto da Luca

Ancora non tende ad affievolirsi il clamore provocato dal caso Ior che vede il Papa impegnato in prima persona nella ricostituzione a questo punto indispensabile dell’organismo che fa capo alla Santa sede. Alle vicende piene di ambiguità  e segreti della banca si era aggiunta la vicenda che ha visto coinvolto Monsignor Scarano e conclusasi con l’arresto con l’accusa di corruzione dell’alto prelato per la nota ormai vicenda del rimpatrio dei capitali degli armatori D’Amico. Intanto monsignor Scarano, ex responsabile dell’area contabilità analitica dell’Apsa (amministrazione patrimonio sede apostolica), interrogato dal Gip, respinge le accuse affermando di essere solo un intermediario e di aver fatto solo un favore alla famiglia D’Amico, di essere in buona fede e di essere stato in pratica travolto dagli eventi durante l’attività di mediazione nei confronti del broker Giovanni CaRenzio, con tutto quello che ne è derivato. Intanto, nei giorni scorsi, precisamente il 26 giugno, non a caso, papa Francesco aveva provveduto ad istituire una commissione di controllo sull’operato dello Ior, istituto opere religiose, insediandovi ai vertici un suo fedelissimo, monsignor Rocca.

Quasi in coincidenza con la nomina della commissione di controllo voluta dal Papa, la notizia delle dimissioni  del direttore generale dello Ior Paolo Cipriani e il suo vice Massimo Tulli, dimissioni accettate dalla Commissione dei cardinali e dal board di sovrintendenza. La stessa commissione nominata dal Papa ha preso atto di questa decisione. Nel frattempo le funzioni vacanti dei vertici dello Ior sono state assunte "ad interim" dal presidente Ernst von Freyberg con effetto immediato.  «Dopo molti anni di servizio ambedue hanno deciso che questo atto sarebbe stato nel migliore interesse dell'Istituto stesso e della Santa Sede», questo l’Annuncio della sala stampa vaticana. Anche l'Autorità di Informazione Finanziaria è stata informata.

Dopo aver assunto l’incarico in ragione dell’emergenza,  il Presidente Ernst von Freyberg - che sarà assistito da Rolando Marranci in qualità di Vice-Direttore e da Antonio Montaresi nella posizione di Chief Risk Officer – ha rilasciato le prime dichiarazioni :  «A nome del Consiglio di Sovrintendenza ringrazio il Sig. Cipriani e il Sig. Tulli per la dedizione personale Manifestata nel corso degli anni», aggiungendo inoltre che  «Dal 2010 lo Ior e la sua Direzione hanno lavorato seriamente per portare le strutture e i procedimenti in linea con gli standard internazionali di lotta al riciclaggio di denaro. Sebbene siamo grati per i risultati conseguiti, oggi è chiaro che abbiamo bisogno di una nuova direzione per accelerare il ritmo di questo processo di trasformazione. I progressi fatti sono in gran parte dovuti al sostegno continuo degli organismi di governo dell'Istituto e del suo personale».

Questo cambiamento sostenuto e promosso dal Santo Padre è solo il primo passo della riforma avviata dell’Istituto, infatti, dopo le nomine interne di Marranci e Montaresi, designazioni in chiara situazione di emergenza e in attesa della vera riorganizzazione,  il Consiglio di Sovrintendenza ha già avviato la procedura di selezione per la nomina del nuovo Direttore Generale e del  Vice Direttore nel prossimo futuro, sempre che non vengano confermati gli attuali vertici. Intanto, il Presidente Von Freyberg ha inoltre chiesto a Elizabeth McCaul e a Raffaele Cosimo di fungere da Senior Advisors "per la gestione dell'Istituto, data la loro grande competenza ed esperienza".


Articolo letto: 1597 volte
Categorie: Cronaca, Economia, Finanza


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Gerardo

02/07/2013 11:52:43
Beh è il minimo che potessero fare.La Chiesa è in crisi più del mondo economico perchè attraversa la perdita delle fede dei suoi fedeli. Mi piacerebbe vedere una Chiesa povera per i poveri. In fin dei conti tutti siamo poveri..Poveri d'animo, poveri di parole, poveri di sentimenti.Solo la Chiesa può insegnarci la morale ma non in questo periodo
0

Ricerche correlate

Ior - commissione - papa - Scarano - monsignore - Von Freyberg - Marranci - Montaresi -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook