Carta Acquisti Poste Italiane Inps 2018? Il reddito di inclusione REI 2018 è ufficialmente una realtà nel nostro Paese.

Firenze
08:00 del 27/12/2017
Scritto da Gerardo

Come funziona la carta acquisti Poste Italiane per disoccupati

Come anticipa già il nome, la carta acquisti è una speciale carta che permette di fare acquisti, una specie di carta di credito. Lo Stato eroga 40 euro mensili, ovvero 80 euro bimestrali, a chi ha il diritto di possedere la carta acquisti messa a disposizione dai singoli comuni.

Per poter ottenere questa carta bisogna fare una richiesta mediante la presentazione della domanda che deve essere redatta sull’apposito moduloscaricabile da interne o che è possibile trovare nelle sedi Inps o presso gli Uffici Postali. Una volta che avrete compilato il modulo vi basterà portarlo presso le Poste Italiane che procederanno trasmettendolo all’Inps, che verificherà i vostri requisiti e, se risulterete idonei, alla spedizione della tessera. Una volta ricevuta la tessera, potrete fare acquisti nei negozi alimentari aderenti all’iniziativa, di cui troverete un bollino esposto fuori dal negozio. In alcuni casi potrete inoltre ricevere il 5% di sconto.

Esistono altri tipi di tessere introdotte al fianco della carta acquisti. Nel 2014 è stata introdotta la nuova social card sperimentale, in 12 città italiane: Roma, Milano, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Napoli, Palermo, Torino, Venezia, Verona e Bari.

Dal 2 settembre 2016, è stata attivata la nuova Carta Acquisti SIA, disponibile in tutte le regioni italiane. Il contributo della carta varia in base al reddito e al nucleo familiare, ma spetta alle famiglie con almeno una persona disoccupata ed un minore di 18 anni a carico.

Importi REI 2018. L’importo del reddito di inclusione dipende dalla scala di equivalenza (allegato 1 DPCM 159/2013). In ogni caso gli importi in base ai componenti del nucleo familiare avente i requisiti, è il seguente:


187,50 euro mensili e 2.250 euro annui in caso di un componente beneficiario;
294,38 euro mensili e 3.532,50 euro annui in caso di due componenti beneficiari;
382,50 euro mensili e 4.590 euro annui in caso di tre componenti beneficiari;
461,25 euro mensili e 5.535 euro annui in caso di quattro componenti beneficiari;
485,40 euro mensili e 5.824 euro annui in caso di cinque o più componenti beneficiari.
Il REI 2018, erogato attraverso la “Carta REI” (una carta acquisti emessa da Poste Italiane Spa), è una misura unica a livello nazionale di contrasto alla povertà e all'esclusione sociale che entrerà in vigore dal 1° gennaio 2018. Ma per il quale si potrà presentare domanda al comune a partire dal 1 dicembre 2017, presentando l’apposito modulo messo a disposizione dall’Inps.

La Carta acquisti REI consente l’acquisto dei generi alimentari previsti dal D. L. n. 112/2008 ma consentirà anche di effettuare prelievi di contante nel limite mensile della metà del beneficio massimo attribuibile. Entro quindici giorni dalla ricezione della domanda, i Comuni trasmettono i dati all’Inps, il quale, in caso di esito positivo dei controlli, riconosce la spettanza del Rei e ne dispone il versamento a favore del beneficiario.

Durata REI. Il beneficio economico sarà erogato per un massimo di 18 mesi, dai quali saranno sottratte le eventuali mensilità di Sostegno per l’Inclusione Attiva (SIA) percepite. Oltre a percepire per 18 mesi in maniera continuativa, la famiglia potrà aver diritto, trascorsi almeno 6 mesi da quando ne è cessato il godimento, ad un rinnovo del REI.

In termini di requisiti REI 2018, il reddito di inclusione è destinato alle famiglie che siano in possesso di specifici requisiti di residenza, soggiorno, composizione del nucleo familiare, nonché requisiti relativi la condizione economica del nucleo familiare del richiedente

Requisiti per richiedere o rinnovare la carta acquisti 2018

Per poter ricevere la carta acquisti, che voi siate cittadini italiani o stranieri, è importante che abbiate determinati requisiti che vedremo insieme:

  • Un’età pari o superiore a 65 anni;
  • Se si svolgono dei trattamenti, questi devono essere inferiori a 6.788,61 euro all’anno per le persone di età pari o superiore 65 anni di età. Ed inferiori a 9.051,48 euro per le persone aventi 70 anni di età.
  • Il proprio ISEE non deve essere superiore a 6.788,61 euro.
  • Non bisogna essere ricoverati in Istituti di cura a lunga degenza, dove è previsto il vitto pagato dallo Stato.
  • Non bisogna essere detenuti presso istituti di pena o carceri, dove il vitto è provveduto dallo Stato.
  • Non bisogna essere intestatari, da soli o con il coniuge, di più in un’utenza di energia elettrica domestica o più di una utenza elettrica non domestica. O ancora, non bisogna essere intestatari di due o più utenze di gas, di due veicoli o di essere in possesso di una quota immobiliare ad uso abitativo pari o superiore al 25%.
  • Non avere un patrimonio mobiliare superiore a 15.000 euro.

Articolo letto: 1613 volte
Categorie: , Economia, Lavoro, Nuove Leggi


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook