Caro Renzi, non hai cambiato proprio nulla: il tasso di disoccupazione e’ sempre lo stesso. Pil aumentato, ma la disoccupazione resiste

Milano
11:00 del 08/05/2015
Scritto da Gerardo

Nel 2015 il prodotto interno lordo italiano aumenterà dello 0,7%. Lo prevede l'Istat stimando poi una crescita dell'1,2% nel 2016 e dell'1,3% nel 2017. Nel 2015 si registrerà anche "una moderata riduzione" del tasso di disoccupazione che scenderà al 12,5% (dal 12,7% del 2014), per passare poi al 12% nel 2016. L'Istat prevede che l'occupazione aumenterà invece in termini di unità di lavoro dello 0,6% quest'anno e dello 0,9% l'anno prossimo.

Istat, l'Italia cresce: nel 2015 Pil +0,7%

Ma la disoccupazione resiste

Nel documento "Prospettive per l'economia italiana nel 2015-2017", l'Istat specifica che la domanda interna al netto delle scorte contribuirà positivamente alla crescita del Pil per 0,3 punti percentuali, quella estera netta per 0,4 punti percentuali. Nel biennio successivo il rafforzamento ciclico determinerà un apporto crescente della domanda interna (+0,8 e +1,1 punti percentuali) mentre il conseguente aumento delle importazioni favorirà una diminuzione del contributo della domanda estera netta nel 2017.

Ok gli investimenti - Torneranno a crescere nell'anno in corso anche gli investimenti (+1,2%), stimolati dal miglioramento delle condizioni di accesso al credito e delle aspettative associate a una ripresa della dinamica produttiva. Il processo di accumulazione del capitale è previsto riprendere a ritmi sostenuti nel 2016 (+2,5%) e con maggior intensità nel 2017 (+2,8%).


Si consolida la ripresa dei consumi - Buone notizie dall'Istat anche riguardo i consumi. "La spesa privata per consumi è attesa consolidarsi nel triennio" 2015-2017. In particolare, nel 2015 i consumi privati registreranno una crescita pari allo 0,5% (dopo il +0,3% del 2014), "favorita da un'evoluzione positiva del reddito disponibile e dal graduale incremento dell'occupazione". Nel biennio successivo "l'aumento dei redditi da lavoro dipendente, associato a una ripresa dell'occupazione, continuerà a sostenere i consumi privati che aumenteranno dello 0,7% nel 2016 e dello 0,9% nel 2017".


Articolo letto: 705 volte
Categorie: Denunce, Economia, Lavoro, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Walter

08/05/2015 14:49:02
Siamo alle solite, PIL o non PIL l l'Italia pilotata dal comandante pinocchio schettino alias Matteo Renzi, affonda.
1 giovane su due è disoccupato, non c'è lavoro. Non ci sono soldi perché se ne vanno tutti in tasse. Siamo invasi dalla peggior feccia proveniente da tutto il globo. Serve altro ?
5

Elisa

08/05/2015 13:19:57
L'istituto di statistica è composto da incapaci o in mala fede, la realtà è tutto il contrario di quello che dicono, guidati da incapaci siamo alla fine.
5

Giovanni

08/05/2015 11:18:34
Meno male che il pericolo pubblico era Berlusconi ma a confronto di loro lui è un santo.
5

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook