Caro italiano che fuggi da questo paese, noi ti apprezziamo! Ecco perché fuggire dall’Italia è un atto davvero eroico in questo momento storico.

Salerno
09:51 del 23/02/2015
Scritto da Gerardo

Questione fuga di cervelli. Mollare tutto e andare all'estero non dev'essere sicuramente facile, soprattutto se si parte alla ricerca di un lavoro. Se il lavoro lo si ha già perchè si conosce qualcuno allora il discorso è diverso. Chi rimane qui, dandosi da fare con lavoretti mentre continua a cercare il lavoro per il quale ha studiato ha tutto il nostro rispetto. Chi invece rimane qui, a casa di mamma e papà, e cerca il lavoro un'oretta dopo la colazione fatta alle 11 del mattino, giusto per passare il tempo in attesa che la mammina prepari il pranzo, meriterebbe bastonate sulla schiena. Come facevano una volta con i muli per farli camminare. Tutto questo per dire che andare o rimanere può essere una scelta di coraggio o codardia, a seconda della situazione.

Ci sono lavori che in Italia sono semplicemente impossibili. La ricerca universitaria ad alto livello è uno di questi, ad esempio, ma non tutti possono nascere con la mente da scienziati. E comunque se si vuole lavorare a certi livelli è ben difficile trovare lavoro sotto casa (di LHC, per dire, ce n'è uno in tutto il mondo: non è che a Ginevra ci siano solo fisici svizzeri e italiani emigrati e in USA ne abbiano uno tutto loro, eh). Ma pensiamo a mille altre tipologie di lavoro che in Italia sono affette da clientelismi o sottopagate mentre all'estero sono professionalità riconosciute. Tanto lavoro nell'ambito del design ricade sotto questa categoria, per dire.

Il segreto è sempre lo stesso: trovare un lavoro che piaccia e cercare in ogni modo di svolgere quello, indipendentemente da dove lo si svolga. La "fuga dei cervelli" è in atto da molti anni, non è un fenomeno attuale. In questo momento però per un neolaureato lanciarsi in un'avventura all'estero è una scelta che a parer nostro può essere dettata solo che dal buon senso. Il sistema economico italiano è al collasso e definirlo catastrofico è riduttivo. Nel 201 hanno chiuso i battenti, tra le piccole e medie imprese, in oltre 10000. Alla fine dell'anno in corso saranno il doppio, ad essere ottimisti. E' un dato di fatto. Continuerà ad andare peggio. C'è poco da fare. Il baratro è lì, ad un passo.

E come abbiamo già detto altre volte, l'unica alternativa che può portare ad un reale cambiamento è il default. Ad una povertà nel medio lungo preferiamo una povertà certa nel breve ma con una sovranità riconquistata da parte del popolo. Quindi, paradossalmente, ben venga il default se ciò significa poi avere la possibilità di ricostruire dalle fondamenta un paese che ormai è completamente logorato in ogni suo pilastro portante.


Articolo letto: 1128 volte
Categorie: Editoria, Lavoro, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della fuga di cervelli?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Giovanna

23/02/2015 09:55:29
Fra qualche mese mi trasferirò all'estero perchè so che stando qui in Italia le lingue non si imparano. Nel mio caso andare all'estero è un BISOGNO. Stare qui in Italia significherebbe per me non qualificarmi, e oltre a non trovare lavoro, non sarei nemmeno realizzata. Per quanto riguarda l'aspetto codardia: sono stata all'estero a lavorare più volte (la prima a 17 anni) e vi assicuro che NON è semplice.
3

Gerardo

23/02/2015 09:55:14
Personalmente non mi viene da biasimare nessuno, chi resta o chi va. Se proprio fossi costretto a scegliere opterei per il coraggio. Ma per entrambi. Perchè ci vuole coraggio a resistere in un Italia ormai allo sbando e con tenacia tentare nell'impresa di veder gratificare il proprio impegno universitario di anni e ci vuole altrettanto coraggio per mettersi in gioco e mollare tutto.
9

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook