Giorgio Napolitano (ex Presidente della Repubblica) è colui che seppe essere sempre servile al potere di turno.

Roma
13:00 del 08/08/2015
Scritto da Gerardo

Giorgio Napolitano (ex Presidente della Repubblica) è colui che seppe essere sempre servile al potere di turno. Fu un universitario fascista quando occorreva esserlo, comunista cinque minuti dopo per poi diventare addirittura un neo-liberista da tangentopoli in poi, approvò l’invasione dell’Ungheria per poi condannarla , profetizzò i disastri dell’Unione Europa per poi metterli in pratica.

Seppe sempre immediatamente fiutare il vento del cambiamento ed allinearsi prontamente al fianco di quei poteri finanziari che stavano emergendo con forza e volevano smantellare la sovranità e l’indipendenza dell’Italia e di ogni altra nazione mondiale. Cambiare è un segno di intelligenza tradire sistematicamente tutto ciò a cui si aderisce è scegliere il tradimento come vocazione . Cronaca di questi giorni il suo appello a non “disfare la tela” in riferimento alla riforma del Senato che assieme all’Italicum (la riforma elettorale voluta dalla coppietta di padri analfabeti costituenti Renzi e Boschi) rappresenta il più incredibile attentato alla Costituzione della Repubblica della storia del nostro Paese.

Le due “riforme” combinate costituiscono la modifica surrettizia della forma del nostro Governo accantonando per sempre non solo la Repubblica Parlamentare voluta dai veri Padri Costituenti, (questi a pieno titolo con la maiuscola) ma anche le garanzie democratiche dell’equilibrio dei poteri contenute in tutta la tradizione costituzionalista nata con Montesquieu . Napolitano entra a gamba tesa nel dibattito politico sostanzialmente al fine di premere su Grasso, Presidente del Senato, affinché non consenta ulteriori emendamenti alla legge, fatto che rallenterebbe l’iter di approvazione ai sensi dell’art. 138 Cost. Dunque non pago di aver sospeso la democrazia del Paese consegnandolo al controllo dei poteri forti scegliendo gli ultimi tre governi graditi ai interessi stranieri, Napolitano continua nella prosecuzione del suo disegno criminoso volto a smantellare la personalità giuridica dell’Italia, un delitto punito dal codice penale. Una volta in tempo di guerra per simili persone ci sarebbe stato un plotone di esecuzione ed una pallottola rigorosamente alla schiena in segno di disonore, oggi mentre l’Italia è oggetto di una guerra non dichiarata la magistratura resta incomprensibilmente inerte. Ma chi è fedele alla propria Patria, alla Costituzione ed alla Democrazia non può che unirsi in un grido di sdegno: NAPOLITANO ORA BASTA!


Articolo letto: 3467 volte
Categorie: Denunce, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Adolfo

08/08/2015 21:09:41
sei un traditore...quindi un uomo di merda per noi italiani...sei una merda
1

Gerry

08/08/2015 15:42:50
Beh, queste sono dichiarazoni. Il soggetto ha fatto di peggio. Negli ultimi 8 anni ha promulgato le piu' infami leggi imposte dall'europa che hanno fatto carta straccia della costituzione cioe' quella cosa che lui doveva difendere. Non ultimo ha tramato con bce e governi stranieri per eliminare un governo legittiamente eletto e sostituirlo con monti,
4

Ricerche correlate

Napolitano - Costituzione - Democrazia - Presidente -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook