Gli italiani all'estero e sopratutto nella UE sanno bene che conviene votare per il meno peggio. Prodi nel 2006, Bersani nel 2013 e Renzi ora.

Milano
08:30 del 14/11/2016
Scritto da Carmine

Gli italiani all'estero e sopratutto nella UE sanno bene che conviene votare per il meno peggio. Prodi nel 2006, Bersani nel 2013 e Renzi ora. Visto che gli italiani all'estero e sopratutto nella UE possono vedere cosa significa votare per un partito serio e per persone serie. Viste le alternative: Berlusconi nel 2006, Berlusconi o Grillo nel 2013, M5S ora.

Mentre tanti, troppi italiani in Italia ci cascano nelle promesse mai mantenute e nelle critiche a tutto quello che fa un governo che cerca di fare qualcosa.

Se le cose all'estero funzionano meglio e' anche perche' le persone sono piu' costruttive e meno ideologizzate. Esponi un'idea in un paese del nord Europa, e avrai alcune risposte entusiaste e alcune critiche costruttive; esponila in Italia e avrai tutti contro a cercare tutti i possibili motivi per cui non si puo' e non si deve fare. Vi ricorda qualcosa?

La Grecia stava andando in bancarotta causa prestiti avuti facilmente e tasse pagate in noccioline. Adesso i greci non stanno bene ma stanno meno peggio di prima e hanno voluto rimanere sia nell'Eurozona che nella UE.
Lo hanno deciso loro con gran rammarico di tanti lorsignori che scrivono qui.
Mentre vediamo già ora i casini in cui stanno gli UK dopo il voto Brexit: due Kingdoms su 4 che vogliono rimanere nella UE, un governo in lotta con il parlamento, la sterlina in picchiata, l'economia che ha rallentato e tante imprese che avevano la loro sede principale UE a Londra che se ne vanno altrove nella UE. E non hanno ancora cominciato a trattare con Juncker con il parlamento UE con i 27 stati UE come tenere legami con la UE. Una mission impossible per Theresa May se non accetta le 4 libertà UE, inclusa quella della libera circolazione della manodopera.


La lettera inviata da Matteo Renzi agli italiani residenti all’estero, per invitarli a votare  al Referendum Costituzionaleaveva già fatto molto discutere. Ma in tutto questo caos, nessuno si era accorto di un clamoroso errore: sulla prima facciata del volantino, dove il premier è ritratto in una foto con Obama (per ribadire l’endorsement del presidente uscente degli Stati Uniti), il link al sito della campagna è sbagliato. È stata dimenticata una ‘N‘, ed ecco che la scritta che avrebbe dovuto rimandare al sito del comitato ‘Basta un Sì‘, si è trasformata in “www.bastausi.it“. Un errore di cui si è accorto per primo Roberto Calderoli: “Peccato – ha detto il senatore leghista – che questi signori siano talmente ignoranti della grammatica, e della Costituzione, che indicando il sito di riferimento abbiano scritto www.bastausi.it. Bastausi? Che sia un’espressione dialettale? Non credo proprio, come non credo che chi non è in grado di scrivere neppure una lettera correttamente possa riscrivere la Costituzione”.

Ma, questo è proprio il caso di dirlo, oltre al danno la beffa. Quello che neanche Calderoli sapeva è che il link scritto nella lettera riporta a una pagina dove si sostengono le ragioni del No. Il dominio risulta infatti intestato a Ruggero Barbetti, esponente di Forza Italia e sindaco di Capoliveri che, come spiega il sito Gli Stati Generali, notando la svista ha acquistato l’url e creato così la pagina web di un comitato per le ragioni del No. E così la contestata lettera di Renzi agli italiani all’estero rischia paradossalmente di fare pubblicità al fronte del No.


Articolo letto: 359 volte
Categorie: Denunce, Politica


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi delle promesse elettorali di Matteo Renzi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Anita

14/11/2016 10:10:36
se vuoi tagliare I costi della politica ,comincia ad azzerare I rimborsi ai partiti ,furti legalizzati ,dimezza il numero dei parlamentare 900 e piu tra deputati e senatori ,elimina I vitalizi ,abolisci I portaborse ,segretari ,sotto segretari ,sotto sotto segretari ecc ,taglia il numero dei burocrati e fai lavorare gli uffici pubblici come si deve .Chi poi sta in parlamento deve essere eletto dal popolo ,cosi come il president del consiglio dei ministri non come Renzi che non è stato eletto da nessuno.Adesso mediti e vedra che vuol dire andare all'estero come tanti oggi che cercano lavoro perche in Italia non hanno future...
4

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook