Cambiare lavoro, guida. Guardare in continuazione l’orologio, temere l’arrivo del lunedì mattina e benedire le 6 del pomeriggio può fare parte di un atteggiamento normale verso il lavoro, ma potrebbe anche essere il segnale di un desiderio di cambiamento.

Torino
07:50 del 05/12/2015
Scritto da Luca

Cambiare lavoro

Guardare in continuazione l’orologio, temere l’arrivo del lunedì mattina e benedire le 6 del pomeriggio può fare parte di un atteggiamento normale verso il lavoro, ma potrebbe anche essere il segnale di un desiderio di cambiamento.

Cambiare lavoro - Si è intrappolati nel lavoro sbagliato quando giorno dopo giorno si ha l’impressione di ripetere sempre lo stesso copione, con stanchezza e monotonia. Ad un certo punto, durante la propria carriera, molte persone si trovano a svolgere un lavoro che non fa per loro o che vorrebbero cambiare. Si tratta talvolta di una perdita di interesse verso ciò che si fa.

Cambiare lavoro - Secondo Molly Brennan della Koya Leadership Partners e Shawince Meador della University of North Carolina, ci sono 10 segnali ben precisi che rivelano quando un dipendente è intrappolato nel lavoro sbagliato.

1) Non credere più in ciò che l’azienda fa.

2) Il lavoro svolto non rientra nelle proprie abilità naturali.

3) Non si comprende più lo scopo del proprio lavoro.

4) Non si stanno acquisendo nuove capacità e non ci si sente sfidati.

5) Non si prova gioia per i successi sul lavoro.

6) Non si ritiene che il proprio lavoro venga apprezzato.

7) Ci si rende conto che le opportunità di crescita sono molto limitate.

8) Si preferisce non parlare del proprio lavoro con persone appena conosciute.

9) Si è perso il rispetto per il proprio capo.

10) Si inizia ad avvertire il desiderio di un nuovo lavoro del tutto diverso.

Come fare per reagire o per cambiare la situazione?

Cambiare lavoro - 1) Fare un passo indietro e valutare la propria situazione

Può darsi che abbiate avuto uno scontro con il capo o delle giornate difficili sul lavoro e che per questo stiate decidendo di cambiare rotta. Dovreste provare a fare un elenco delle caratteristiche della vostra situazione di lavoro ideale per comprendere su quali questioni si basa la vostra insoddisfazione. Si tratta di un auto esame per capire se il lavoro è l’unica fonte di appagamento nella vostra vita.

Cambiare lavoro - 2) Creare il cambiamento

Iniziate a creare il cambiamento nel luogo di lavoro in cui vi trovate ora. Cercate di comprendere, magari confrontandovi con il vostro capo e con i colleghi, se esistano delle soluzioni per migliorare la vostra situazione attuale e per dare vita al cambiamento che vorreste, prima di decidere di dire addio a un lavoro che forse in fondo vi appassiona ancora.

Cambiare lavoro - 3) Dominare il proprio destino

Se siete ancora convinti di non essere nel posto giusto per voi, dovete iniziare a cercare davvero un nuovo lavoro. Prendetevi del tempo per capire quale sarà il vostro futuro luogo di lavoro e iniziate a creare una rete di contatti per raggiungerlo. Soltanto voi siete i veri responsabili del vostro successo sul lavoro e della vostra carriera, oltre che del vostro destino.


Articolo letto: 459 volte
Categorie:


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Cambiare lavoro - lavoro - economia - crisi -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook