Caccavelle alla sorrentina. Le caccavelle alla sorrentina sono un saporitissimo primo piatto, tipico della Campania, che viene preparato utilizzando appunto la caccavella

Napoli
17:00 del 12/05/2015
Scritto da Gerardo

Le caccavelle alla sorrentina sono un saporitissimo primo piatto, tipico della Campania, che viene preparato utilizzando appunto la caccavella, ovvero un tipo di pasta a forma di conchiglione dentro al quale verrà inserito il ripieno di salsa di pomorodo, mozzarella, carne trita e ricotta.  La ricetta delle caccavelle alla sorrentina è un piatto molto sostanzioso e gustoso al quale potrete aggiungere anche altri ingredienti per arricchirlo e renderlo ancora piu' buono in base ai vostri gusti personali.

Le caccavelle alla sorrentina piaceranno anche ai vostri bambini, che di fronte alla mozzarela filante non sapranno dire di no!

Utilizzando la mozzarella di bufala utilizzatela per il ripieno della caccavella alla sorrentina che in questo modo sarà ancora più buona.

Lasagne di carnevale

Per 4 caccavelle

Pasta Caccavelle di gragnano 4 Olio extravergine di oliva 3 cucchiai Sale q.b. Basilico 5-6 foglie Mozzarella 200 g Ricotta vaccina 200 gr Parmigiano reggiano grattugiato 4 cucchiai circa Cipollotto fresco 4 o 1 cipolla fresca Passata di pomodoro 1 l

PER IL RAGÙ BIANCO

Carne di suino trita 150 gr Salsiccia 100 g Vino rosso (o bianco) 1 bicchiere Sale q.b. Pepe q.b. Cipolle tritate 35 gr Carote tritate 35 gr Sedano tritato 35 gr

Preparazione

Caccavelle alla sorrentina

Tritate i cipollotti e fateli appassire (1) in 3 cucchiai di olio extravergine di oliva a fuoco basso per circa 10-15 minuti; aggiungete la passata di pomodoro (2) , salate e lasciate cuocere per circa 10 minuti a fuoco dolce, quindi spegnete il fuoco poiché il sugo di pomodoro deve rimanere fluido e non denso e aggiungete le foglie di basilico (3) che spezzerete con le dita.

Nel frattempo mettete in un tegame 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva e buttateci dentro il trito di sedano, carota e cipolla (4) che farete dorare a fuoco dolce per poi aggiungere la salsiccia e la carne trita (5) entrambi sgranate. Fate rosolare la carne cercando di renderla via via sempre più fine per mezzo di un mestolo con il quale andrete a spezzettarla in cottura. Quando la carne sarà ben rosolata, sfumate con il bicchiere di vino (6), poi aspettate che tutto il liquido sia evaporato a fuoco molto basso, quindi salate, pepate e in ultimo spegnete il fuoco.

Portate ad ebollizione una pentola contenente acqua salata e lessateci per 15 minuti le caccavelle avendo cura di non portare il bollore ad essere violento, in modo da non rischiare di rompere le caccavelle strapazzandole durante la cottura. Nel frattempo tagliate la mozzarella a cubetti non troppo piccoli (7) (2 cm di lato circa). Una volta scolate le caccavelle (8) adagiatele su di un piatto. Prendete i 4 tegamini nei quali andrete a condire e successivamente cuocere le caccavelle, quindi posizionate sul fondo di ognuno di essi un mestolino di sugo di pomodoro (9); adagiatevi sopra la caccavella, mettete al suo interno un mestolino di pomodoro (10), quindi 50 gr di ricotta spezzettata (11) e un quarto del ragù (12).

Aggiungete quindi 50 gr di mozzarella (13). Ricoprite il tutto con il sugo di pomodoro (14) e spolverizzate la sommità con un buon cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato (15). Preparate allo stesso modo tutti e 4 i tegamini e poi infornate in forno già caldo a 200° per circa 30-40 minuti.


Articolo letto: 599 volte
Categorie: Cucina


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook