Certamente, come stanno scrivendo tutti i commentatori, i casi recenti di giovani donne ridotte a oggetto, dileggiate e sfruttate, in Calabria, in Campania e a Rimini, rivelano la faccia oscura e potentemente negativa del web, dei social e complessivamente di tutta la comunicazione informatica.

Roma
14:00 del 21/09/2016
Scritto da Luca

Certamente, come stanno scrivendo tutti i commentatori, i casi recenti di giovani donne ridotte a oggetto, dileggiate e sfruttate, in Calabria, in Campania e a Rimini, rivelano la faccia oscura e potentemente negativa del web, dei social e complessivamente di tutta la comunicazione informatica.

Ma dietro a queste storie c’è qualcosa d’altro, che non vogliamo vedere: lo chiamerei il lato oscuro della rivoluzione sessuale dal punto di vista delle donne. Quella rivoluzione che doveva renderci tutti liberi e felici e, soprattutto le donne — protette dalla pillola — uguali agli uomini.

Se una cosa invece ci dicono clamorosamente tutti gli episodi accaduti in questi giorni è che in barba alla pillola e ad ogni altra rivoluzione uomini e donne restano dal punto di vista del sesso due universi diversi e incomparabili. Che il sesso ha per gli e le altre significati diversissimi, rappresenta cose diversissime. La giovane calabrese di Melito non è solo una povera ragazzina schiacciata dai pregiudizi tradizionali del sud e soprattutto dal timore del potere dei clan. È anche una tredicenne che ha avviato in giovanissima età un fidanzamento con uno di quei ragazzi che sarebbero poi diventati i suoi violentatori. Non era forse meglio evitarlo? Ma oggi nessuno ha il coraggio di dire a una giovane tredicenne, poco più di una bambina, che sarebbe meglio aspettare, studiare, guardarsi intorno, capire, uscire con le amiche invece di cominciare così precocemente una vita sessuale. C’è da giurare che sarebbe dileggiato come un oscurantista, uno che vuole opprimere la libertà sessuale dei «giovani». Così come egualmente pochi si fermano a pensare, e a dire, che a parti rovesciate la divulgazione di un video con le prestazioni sessuali di un maschio tredicenne non avrebbe certo mai potuto avere le conseguenze tragiche che ha avuto invece per la ragazza. Perché? Forse, appunto, perché la rivoluzione sessuale non esiste come fenomeno di liberazione eguale per tutti.

Proprio questo invece credeva la giovane donna del napoletano che ha inviato agli amici il video che la vedeva protagonista di una scena hard. Ha creduto nella liberazione sessuale eguale per tutti esibendo le sue attività sessuali come avrebbe fatto un maschio. Convinta di essere «liberata» come un uomo, credeva che anche per lei il sesso potesse rappresentare un gesto di sfida, una bravata, un momento di affermazione e di potere da ostentare, magari per compensare un’immagine di debolezza. Proprio come le ragazzine che a Rimini hanno con totale incoscienza filmato l’amica priva di sensi per il troppo bere mentre veniva violentata in una toilette. Anche questa scena atroce, a loro assuefatte all’ideologia bugiarda del sesso come consumo deve essere sembrata una performance «interessante», un momento di cui la povera vittima, chissà, avrebbe potuto l’indomani magari andare addirittura fiera. E loro con lei. Sappiamo bene come invece sono andate le cose, sappiamo bene il senso di vergogna e di ribrezzo che la loro amica ha provato vedendo la scena. Ma ancora una volta chiediamoci: sarebbe mai possibile immaginare una scena simile con protagonisti maschili? E perché non lo sarebbe?

Perché non è vero che — eliminato con un anticoncezionale il problema del rischio maternità — le donne possono fare sesso come gli uomini, possono viverlo ed esibirlo come loro. Non è solo a causa dei pregiudizi sociali che questo non si può fare. È proprio tutto diverso, per le donne e per gli uomini. Quello che per gli uomini è sempre un momento di affermazione di sé, di «potenza», per le donne è un accogliere nella propria intimità. Un’accoglienza che può essere imposta con la forza, anche a loro insaputa, mentre sono incoscienti, e che può essere diffusa nel web come prova del potere del maschio con il quale si accompagnano. In qualunque video porno privato che venga diffuso via Internet la vittima potenziale è la donna: per l’uomo questa esibizione, anche se non voluta, sarà sempre e solo un momento di fierezza, una conquista. Non si sono mai visti uomini disperati, che arrivano al suicidio, perché un loro momento di intimità sessuale è stato diffuso, a meno che non sia stato usato come ricatto per ledere la loro posizione professionale. Ma, di per sé, l’onore maschile non viene mai sminuito da un simile incidente che lo vede, comunque, come un conquistatore.

Le protagoniste di questi ultimi casi di cronaca sono state ingannate da una cultura diffusa che le spinge a comportarsi come i maschi da ogni punto di vista, anche quello sessuale. Come se non ci fossero rischi, pericoli specifici da cui metterle in guardia. Come se l’unico pericolo fosse la gravidanza indesiderata e quindi, tolto quello, le donne potessero diventare come gli uomini. Quante povere ragazze ingannate dovremo ancora vedere soffrire — talvolta fino alla morte — per questo stupido equivoco?


Articolo letto: 362 volte
Categorie: Sesso


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Bugie - sesso - amore - passione - eros - trasgressione - hot - guida -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook