Boss mafioso si lamenta del trattamento che gli viene riservato in carcere: ecco di chi si tratta

Nuoro
19:05 del 29/11/2014
Scritto da Gerardo

Per anni hanno ucciso tante persone senza scrupoli e usando i peggiori metodi. Poi quando vanno in galera si lamentano per il modo in cui vengono trattati, soprattutto quando finiscono al 41bis. Stiamo parlando dei boss mafiosi che vorrebbero continuare a comandare anche in carcere e che quando non vi riescono cominciano a lamentarsi.

Prima di lamentarsi però dovrebbero pensare a tutti i reati che negli anni hanno commesso, a tutti i terribili omicidi che hanno ordinato e a quelli che hanno commesso, a tutte le strage che hanno determinato la fine di personaggi che stavano limitando e contrastando il loro potere.

Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, si lamenta. Lo fa dal carcere di Nuoro dove dice che viene trattato in modo disumano, al pari se non peggio di un'animale. Bagarella è stato trasferito nel carcere di Nuoro nel mese di settembre. Negli anni si è macchiato di centinaia di omicidi ed ora si trova sotto accusa anche nel processo sulla trattativa Stato-Mafia.


Articolo letto: 728 volte
Categorie: Cronaca, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook