ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - L’attesa è finita: dopo diverse modifiche e le novità inserite nel Decreto crescita, è arrivata anche la circolare Inps con le istruzioni operative sul Bonus assunzioni Sud 2019: chi può accedere al beneficio, i lavoratori a cui spetta, i contratti inclusi, iter di ammissione al beneficio, istruzioni contabili.

Napoli
08:30 del 18/07/2019
Scritto da Carmine

ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - L’attesa è finita: dopo diverse modifiche e le novità inserite nel Decreto crescita, è arrivata anche la circolare Inps con le istruzioni operative sul Bonus assunzioni Sud 2019: chi può accedere al beneficio, i lavoratori a cui spetta, i contratti inclusi, iter di ammissione al beneficio, istruzioni contabili. Insomma tutto quello che c’è da sapere – per aziende e lavoratori – per poter accedere al bonus occupazionale per i giovani delle regioni del Mezzogiorno.

ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - Dopo il decreto direttoriale n. 178 del 19 aprile 2019 di Anpal (l’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro), che includeva il beneficio per le assunzioni effettuate a partire dal 1° maggio 2019 e fino al 31 dicembre 2019 sono arrivati due contrordini, che hanno introdotte novità sul bonus:


  • l’articolo 39–ter del Decreto crescita (decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58),

  • il decreto direttoriale dell’ANPAL n. 311 del 12 luglio 2019.

ASSUNZIONI BONUS SUD 2019 - Il modulo da compilare è  “IOSS”, disponibile all’interno dell’app “Portale delle Agevolazioni (ex DiResCo)”. Una volta ricevuta la domanda preliminare da parte del datore di lavoro, saranno avviati i controlli sulla possibilità di riconoscimento degli incentivi.

In caso di accoglimento della domanda, il datore di lavoro, entro 10 giorni di calendario dovrà comunicare l’avvenuta assunzione, confermando l’incentivo “prenotato”.

Il testo della circolare INPS numero 102, poi, chiarisce: “l’istanza di prenotazione dell’incentivo che dovesse essere inizialmente non accolta in quanto, dalla consultazione dell’archivio dell’ANPAL, non risulta validamente rilasciata una dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID), rimarrà valida – mantenendo la priorità acquisita dalla data di prenotazione – per un massimo di 30 giorni”. In tale finestra temporale l’Inps consulterà giornalmente l’archivio con i dati Anpal con lo scopo di tenere sotto controllo gli aggiornamenti della posizione del lavoratore.

Infine, la circolare fornisce chiarimenti importanti anche relativamente alle tempistiche di elaborazione delle domande. Il criterio di valutazione delle richieste seguirà un ordine cronologico. “Per le sole istanze relative alle assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato effettuate tra il 1° gennaio 2019 e il giorno precedente il rilascio del modulo telematico e pervenute nei 10 giorni successivi al rilascio della modulistica on line saranno elaborate secondo l’ordine cronologico di decorrenza dell’assunzione”. In tutti gli altri casi si applica il criterio cronologico generale, indipendentemente dalla data di assunzione.


Articolo letto: 95 volte
Categorie: , Economia, Guide, Lavoro


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook