COME CAMBIA LA BOLLETTA TELEFONICA - La bolletta telefonica cambia volto e, soprattutto, contenuti: l’Agcom, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ha dato il via all’operazione “bolletta trasparente” con uno schema di provvedimento da sottoporre a consultazione pubblica.

Milano
05:43 del 07/08/2019
Scritto da Gregorio

COME CAMBIA LA BOLLETTA TELEFONICA - La bolletta telefonica cambia volto e, soprattutto, contenuti: l’Agcom, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ha dato il via all’operazione “bolletta trasparente” con uno schema di provvedimento da sottoporre a consultazione pubblica. Lo rende noto l’agenzia stampa AdnKronos che ha diffuso il comunicato della stessa Agcom, rivolto al pubblico dei consumatori per annunciare le novità. L’obiettivo che l’Authority vuole raggiungere è quello di una bolletta finalmente chiara e completa su tutte le voci di costo, comprese quelle finora “nascoste” tra le pieghe dei documenti cui siamo abituati, e che riveli anche la vera qualità dei servizi offerti dagli operatori.

COME CAMBIA LA BOLLETTA TELEFONICA - Ecco come cambia la bolletta telefonica: l’Agcom ha previsto l’aggiornamento della disciplina sui blocchi di chiamata, l’introduzione della bolletta “parlante” – che consente di far conoscere le reali condizioni applicate non solo per la tariffazione delle telefonate, ma anche per i piani di servizi e l’eventuale vendita abbinata di cellulari – l’indicazione esplicita della qualità della connessione ad internet e la comparazione di tariffe ed offerte con quelle degli altri operatori. Vediamo meglio questi aspetti uno ad uno.


COME CAMBIA LA BOLLETTA TELEFONICA - L’obiettivo principale dell’Autorità garante per le comunicazioni è quello di dare vita a una bolletta che sia più leggibile e completa. Nel documento fiscale dovranno essere inserite tutte le informazioni relative alla propria offerta e al proprio contratto. Nella bolletta dovrà essere riportata una sintesi chiara delle condizioni offerte in regime flat o semiflat e che permetta ad ogni singolo utente di confrontare gli importi “promessi” con quelli realmente addebitati.

Dovranno essere inoltre aggiunti dettagli relativi ai prodotti offerti in vendita abbinata, come modem-router o smartphone e un’indicazione sintetica sulle rate che restano ancora da pagare. Dovranno anche esserci indicazioni sintetiche sulle modalità per recedere dal contratto, presentare un ricorso o avvalersi della procedura di conciliazione attraverso la piattaforma Conciliaweb.

MisuraInternet

L’AGCOM vorrebbe inserire nella bolletta anche una serie di informazioni relative alla qualità della connessione internet, dichiarando quale sia la banda minima in download e in upload (ossia, la velocità di navigazione minima che l’operatore dovrebbe garantire) utilizzando i dati generati dal servizio misurainternet.it, uno speed test gestito direttamente da AGCOM.

Aggiornamento dell’elenco dei numeri a blocco permanente

Un’ulteriore novità che l’AGCOM vorrebbe introdurre riguarda l’elenco delle numerazioni per le quali gli utenti possono richiedere il blocco permanente. L’Autorità di Garanzia vorrebbe rendere ancora più ampio l’elenco, così da offrire maggiori garanzie ai consumatori, evitando che sulle loro linee possano attivarsi servizi in abbonamento e non incorrere in spese inattese.


Articolo letto: 142 volte
Categorie: , Economia, Guide


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook