Chi consumerà di meno pagherà di più,chi consumerà di più pagherà di meno.Sembra un paradosso ma è realtà

Milano
06:20 del 05/04/2016
Scritto da Alberto

Chi consumerà di meno pagherà di più,chi consumerà di più pagherà di meno.Sembra un paradosso ma è realtà.In arrivo stangate sulla bolletta elettrica.

Sembrerebbe un paradosso, ma in base alla normativa vigente del governo, chi consuma di meno pagherà di più. Dal 2016 non conviene infatti risparmiare sul consumo dell’energia elettrica, e sono previste batoste per chi lo farà. Ma perchè tutto ciò? E’ evidente che il governo vuole “bastonare” chi ricorre alle rinnovabili, chi ad esempio risparmia corrente utilizzando i pannelli fotovoltaici, pale micro eoliche sui tetti, chi accende elettrodomestici di notte in una fascia oraria più conveniente ecc. Il tutto va a sommarsi all’aumento in bolletta elettrica previsto per li’nserimento del canone Rai. Un altro favore alle lobby…. E pensare che il nostro Premier recentemente è andato negli USA proprio per parlare delle energie rinnovabili, mentre il suo governo le massacra dietro le quinte.

Maggiori dettagli e le soluzioni per uscire da questo “circolo vizioso”, sono rivelate da Luigi Di Maio e Gianni Girotto nel video seguente. DA NON PERDERE

Fonte: JedaNews


Video

Articolo letto: 1090 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Economia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Bollette - crisi - economia - batoste - Lobby - Premier - Politica -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook