Un nuovo romanzo fra cinema, Brianza, Milano, sogni e speranze Una scrittrice dalla doppia madrelingua e dal gusto classicheggiante

Teramo
17:38 del 02/02/2015
Scritto da luca

Un romanzo fresco, moderno, ambientato fra la Brianza e Milano, nel quale emergono le figure di due giovani ragazze col sogno di entrare nel mondo del cinema. Ce la faranno? L’intreccio di episodi che le vedranno coinvolte si preAnnuncia ricco di colpi di scena e costruito per tenere incollato il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Berta Corvi, scrittrice italiana residente a Lesmo (Provincia di Monza e Brianza), di madrelingua italiana e francese, nata in Abruzzo e cresciuta a Liegi, sta per portare a termine il suo primo romanzo inedito, dopo aver già pubblicato tre scritture di Poesie (Parole editore) e dopo aver tradotto un romanzo e altre due raccolte di poesie nelle sue lingue madri.

“Con orgoglio e soddisfazione posso dire che sto portando a termine un importante progetto completamente mio – rivela l’autrice – scrivere è un elemento essenziale della mia vita, con umiltà ho sempre sfruttato la mia doppia madrelingua per avvicinarmi ai grandi scrittori italiani e francesi. Penso, in particolare, a Flaubert, a Stendhal, e ai nostri Parini e D’Annunzio. Degli autentici maestri a cui occorre guardare con rispetto, prendendo spunto per creare qualcosa di nuovo. E questo è ciò che spero di star realizzando col mio romanzo”.

Berta Corvi – Il nuovo romanzo

Il nuovo romanzo di Berta Corvi, dal titolo provvisorio “Il sogno di Stely”, racconta la storia vera di due ragazze che sognano di entrare nel fatato mondo del cinema. All’interno sarà un condensato di sogni e illusioni, di speranze e di promesse, con colpi di scena che non mancheranno di stupire il lettore. L’ambientazione del romanzo sarà la striscia di territorio a cavallo fra la Brianza e Milano: una delle due ragazze risiede a Villasanta, l’altra nel capoluogo lombardo. Ma molte delle scene avranno come sottofondo i paesaggi tipici di questi luoghi: dal Parco di Monza al Fiume Lambro, dal caos metropolitano alle dolci distese verdi della Brianza. Il romanzo, in via di ultimazione, sarà pubblicato all’inizio del prossimo anno, nel 2016.

Berta Corvi – La biografia

Berta Corvi nasce 49 anni fa ad Atri, in Provincia di Teramo. Insieme alla famiglia, si trasferisce ben presto in Belgio, a Liegi, dove vive fino ai 18 anni prima di rientrare in Italia e stabilirsi nuovamente in Abruzzo. Qui, si laurea con 110 e lode all’Università degli studi “G. D’Annunzio” di Pescara nel corso di laurea in Lingue e letterature straniere con la tesi dal titolo “La description dans les œuvres romanesques de Jean Giorno”. Il suo percorso di formazione non si è mai arrestato, con attestati di Corsi di specializzazione in “English for business”, Semi-intensive English Course alla Roger Williams University (Bristol – Rhode Island – Usa) e con i Corsi di aggiornamento per l’insegnamento della lingua francese presso il “Centre Culturel Français” di Milano. Dopo aver abitato per 4 anni a Bernareggio, Provincia di Monza e Brianza, da vent’anni risiede a Lesmo, Provincia di Monza e Brianza.

Berta Corvi – La scrittura e i rapporti con la Brianza e l’Abruzzo

La scrittura di Berta Corvi è da sempre intrisa di emozioni e sensazioni, mescolate al territorio in cui vive le proprie giornate. “Devo dire grazie ai miei professori francesi che, in giovane età, mi hanno trasmesso la passione per la letteratura e la scrittura – dichiara l’autrice – scrivere è sempre stata una mia passione, un modo per trasmettere la mia persona verso l’’esterno. Prendo spunto dalla realtà che mi circonda, dalle singole persone che posso incontrare ogni giorno durante il mio lavoro. In questo modo, i miei personaggi diventano più veri, i miei pensieri più realistici”. A caratterizzare la sua scrittura anche i luoghi nei quali vive la gran parte del suo tempo: “Per scrivere ho bisogno di silenzio e concentrazione, ecco perché quando ho bisogno d’ispirazione vado in cerca di posti magici dai quali trarre innumerevoli spunti. Penso, in particolare, a Montevecchia, nel Lecchese, o ai paesaggi abruzzesi della Provincia di Teramo e Pescara. Sono luoghi nei quali mi piace immergermi al mattino presto per cogliere l’essenza di ogni momento. Stimolano la scrittura e aiutano la creatività”.

Berta Corvi – Le opere letterarie

Berta Corvi, madrelingua francese, vanta numerose pubblicazioni in italiano e in francese, con opere letterarie inedite ed altre tradotte nella lingua destinata alla divulgazione. Tre sono le scritture di poesie già pubblicate in raccolte di autori vari. Nel 2013 le sue opere letterarie sono state pubblicate nella raccolta “Viaggi Di Versi – Nuovi Poeti Contemporanei, 43” con l’uscita di un audiolibro annesso, nel 2014 è stata la volta della raccolta “I Poeti contemporanei, 174” con poesie di 7 autori e sempre lo scorso anno è stato presentato al pubblico “Il Parnaso, 94” con componimenti di quattro autori. Tutte le raccolte sono editate da “Pagine” (www.pagine.net) e sono in vendita sulla piattaforma Amazon e sui circuiti di divulgazione letteraria.

Viaggi Di Versi – Nuovi Poeti Contemporanei, 43” raggruppa poesie scritte nel periodo dell’adolescenza, prevalentemente incentrate sui temi dell’amore, dalle quali traspare il battito del cuore nei periodi dei primi veri innamoramenti. Berta Corvi ha partecipato con la poesia “Cade la neve” ad un concorso letterario che le è valso la vittoria e la successiva pubblicazione con Pagine editore nella pubblicazione “Viaggi Di Versi – Nuovi Poeti Contemporanei, 43”.

I Poeti contemporanei 174” affronta tematiche legate all’infanzia e all’adolescenza, quali la morte del padre e le prime introspezioni. Una poesia dallo stile semplice e dal forte contenuto.

Il Parnaso, 94” trae invece ispirazione dai poeti francesi del XX° Secolo, un tentativo ben riuscito di avvicinarsi ai poeti francesi che da sempre hanno ispirato l’opera artistica dell’autrice.

Berta Corvi ha anche tradotto un romanzo e due raccolte di poesie, rispettivamente dall’italiano al francese e dal francese all’italiano. Nel primo caso, traduzione in francese del romanzo “Il fuoco dentro” di Giovanni Andreoli (Lupetti editore), pubblicato nel 2012 da Edilivre, Casa editrice parigina, col titolo “Le feu intérieur”. Berta Corvi ha poi tradotto dal francese all’italiano le poesie dell’autore marocchino Noureddine Mhakkak, raccolte dal titolo “Le sette onde dell’amore” e “Il collare della colomba”, già pubblicate in Marocco e in attesa di pubblicazione in Italia.

Di particolare valore è proprio la sua collaborazione con Noureddine Mhakkak, uno degli artisti della parola più conosciuti in Marocco. Noureddine Mhakkak è un poeta, romanziere, critico letterario e artistico marocchino, ricercatore accademico sulla semiotica narrativa, membro del coordinamento dei ricercatori sulle letterature maghrebine e comparate, membro dell’unione degli scrittori del Marocco e dell’associazione dei critici cinematografici. Ha pubblicato numerosi articoli su film marocchini, arabi, europei e americani, creando un dibattito culturale ed artistico. E’ un poeta attento ad ogni sfumatura emotiva. Il tema dell'amore è sostanziale per la sua poesia. Amore come paradiso, come forza suprema, ma soprattutto come genesi di vita. Ogni relazione amorosa è materia sublimata ed esprime un'aspirazione al trascendente. Sembra che la poesia sia nata e si sia sviluppata sotto il segno dell’amore, che sia un mezzo per esprimerlo e suscitarlo. Vere missive dell’amante all’amata nelle quali Noureddine ama ripristinare immagini ancestrali, oniriche, rituali, giocando su assonanze, aloni sonori, sugli effetti della ripetizione del suono.

Berta Corvi – Le collaborazioni di prestigio

Grazie alla sua doppia Madrelingua italiana e francese e ad una perfetta conoscenza della lingua inglese, Berta corvi nel corso degli anni ha stretto importanti collaborazioni con partner e aziende di livello internazionale. Fra queste si ricordano, in particolare, traduzioni di relazioni destinate a reporter di guerra per conto dell’inviato Giovanni Porzio, interpretariato per aziende quali Gucci, Mediaset e Gruppo Schneider, scrittura di recensioni pubblicate in riviste letterarie in Francia, in Marocco e in India e l’illustrazione di profili aziendali attraverso la registrazione di video destinati a società di paesi francofoni. Vanta collaborazioni formative con ArMani, Candy, Toshiba, Ansaldo, Montedison, Alfa Romeo, Galbani e Publitalia ’80. A questo si affiancano le traduzioni di brevetti e manuali tecnici a scopo commerciale e l’insegnamento della lingua francese nella scuola secondaria e a studenti universitari finalizzata alla preparazione degli esami scritti e orali del Delf e del Dalf.

 Berta Corvi – I ringraziamenti

Un ringraziamento speciale va a tre persone, senza le quali Berta Corvi non avrebbe raggiunto i suoi obiettivi.

Nell’ordine, anche se non esiste una vera classifica, viene Stéphanie Michineau (pseudonimo Fanny Cosi), scrittrice, ricercatrice universitaria e specialista delle opere di Colette e della scrittura di sé (autofiction) che risiede a Roche-sur-Yon, capitale della Vandea. “Tre anni fa, io e lei ci siamo concentrate su una serie di scritti di autori marocchini che ci hanno restituito una fulminea testimonianza di amicizia-apprezzamento”. Fanny è autrice di numerose opere tra cui “La littérature était une petite fille rieuse” (La letteratura era una bambina ridente), “Colette, par delà le bien et le mal”, “Pensées en désuétude”, raccolta per la quale Berta Corvi ha redatto delle recensioni, successivamente pubblicate in riviste letterarie.

Giovanni Andreoli, amico d’infanzia nonché autore del romanzo “Il fuoco dentro” del quale ha curato la traduzione e di “Mai una notte” (Editore Albatros).

Noureddine Mhakkak, con cui quattro anni fa ha trovato amicizia e collaborazione professionale. “Stessi interessi, stessa vocazione. Questa fusione mi ha permesso di uscire dalla letargia, di trovare l’avventura scrivendo. Per merito loro e con l’aiuto della scrittura ho messo ordine nella mia vita e le ho ridato brio. Stavo attraversando un periodo in cui niente poteva colpirmi. Si trattava per me di oltrepassare delle frontiere, di andare lì dove mi vietavano di avere accesso. Certe risonanze hanno risvegliato una parte della mia storia, della mia infanzia. I miei tre amici mi hanno restituito la luce, l’energia. Sì, ho ritrovato il desiderio di vivere intensamente e di scrivere amalgamando i materiali, i loro e i miei”. Quando scrive, Berta Corvi assicura “so di avere un posto sulla terra, so che la mia esistenza ha un senso. Oggi sono serena. Ci credo, ho fede. E i miei libri sono la mia felicità, intrecciano i miei ricordi, i miei sogni, delle scene di ieri e di oggi offrendoli al lettore attraverso frammenti biografici in una scrittura stringata, ritmata, avvolgente”.


Articolo letto: 1131 volte
Categorie: Cultura


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook