Uno sparo nel buio. La condanna a tre anni per corruzione emessa a Napoli contro Silvio Berlusconi non cambierà la storia politica del leader di Forza Italia

Milano
12:45 del 28/07/2015
Scritto da Gerardo

Uno sparo nel buio. La condanna a tre anni per corruzione emessa a Napoli contro Silvio Berlusconi non cambierà la storia politica del leader di Forza Italia. Forse contribuirà a riscrivere un pezzo di storia italiana, con quel governo Prodi caduto nel ’98 anche per i maneggi del Cavaliere con alcuni senatori, ma per il futuro cambia poco.

Merito della prescrizione, che a novembre decapiterà il processo sulla compravendita dei senatori e permetterà a Berlusconi di non macchiare ulteriormente la sua fedina penale. Un minimo di garantismo richiede di tenere conto che l’ex premier avrebbe anche potuto essere assolto in secondo grado o in Cassazione, dove Franco Coppi è maestro. Però la condanna in primo grado è un dato di fatto e senza prescrizione Berlusconi avrebbe un grattacapo di quelli pesanti.

Se il processo andasse avanti e culminasse con una sentenza definitiva, il Cavaliere non avrebbe chance di tornare in Parlamento. Invece nel 2019, in base alla legge Severino, torna ricandidabile e questo termine in realtà “retrocede” al 2018 se si tiene conto che Berlusconi otterrà quasi certamente la riabilitazione per la condanna Mediaset.  Ciò significa che il capo di Forza Italia se vuole può tornare in pista per la prossima legislatura.

Per la storia, ma giusto per quella, resta da dire che era onestamente difficile essere assolti, oggi, a Napoli. “Colpa” di Sergio De Gregorio, che ha confessato di essersi venduto per 3 milioni di euro e ha patteggiato una pena di 20 mesi. Assolvere oggi Berlusconi sarebbe stato come dire che l’ex senatore napoletano con la passione per i servizi segreti si era inventato tutto di sana pianta per il gusto di mettersi nei guai.

Infine resta da ricordare che Piero Grasso aveva voluto la costituzione del Senato come parte civile, scontrandosi con il suo ufficio di presidenza. Oggi la prima sezione penale del Tribunale di Napoli ha deciso che Palazzo Madama andrà risarcito, in misura che sarà poi il giudice civile a decidere.


Articolo letto: 763 volte
Categorie: Denunce, Politica


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Gerardo

28/07/2015 12:52:24
Questo grazie alla politica europea eai politici sottomessi italiani senza un bricciolo di fegato. Può fare piacere e non voglio solo dire un aneddoto, l'altro giorno con mio marito siamo andati in un negozio abbastanza grande cercavamo un posto macchina per invalidi dia io che un'altra signora eravamo tutte e due con le carrozzine ebbene nello spiazzale dove mettere le macchine era occupato dagli immigrati che avevano messo le tende e quindi quel posto non poteve essere utizzato in nessun modo alle proteste fi mio marito e dell'altro signore ci siamo sentiti dire che non sapevano dove mandarli. Abbiamo rinunciato anche perché queste piazzate mi fan passare per quel che non sono ma quanta rabbia vedere la discriminazione che c'è in Italia per l'italiano e vedere questi qui che sono srmpre al primo posto. Ma la rabbia ti fa diventate gli occhi rossi quanto questi nullafacenti ti contestano pure quello che gli dai accogliendo. Poveri noi non mi lamento da invalida ms da cittadina italiana. Grazie per avere letto questo mio sfogo ma a tutto c'è un limite.
4

Ricerche correlate

Berlusconi - Condanna - Cassazione - Prescrizione -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook