Domani attesa la sentenza della cassazione sul caso Mediaset. Probabile che la pena sarà confermata, ma possibile anche l'annullamento o il rinvio.

Roma
10:20 del 29/07/2013
Scritto da Carmine

'Non farò l'esule. Né accetterò di essere affidato ai servizi sociali, come un criminale che deve essere rieducato. Ho quasi settantotto anni e avrei diritto ai domiciliari, ma se mi condannano, se si assumono questa responsabilità, andrò in carcere'. Sono queste le parole che l'ex premier Silvio Berlusconi avrebbe pronunciato in un'intervista rilasciata al quotidiano di Belpietro 'Libero' e riportate pure sul suo sito ufficiale del Pdl, sulla sua pagina Facebook e su twitter.

Nonostante siano dichiariazioni ufficiali, poco dopo è giunta una precisazione da Palazzo Grazioli atta a ridimensionarne il senso: 'Il presidente non ha rilasciato alcuna intervista. Il direttore Belpietro ha liberamente interpretato il senso di un colloquio in cui sono state confermate l'assoluta infondatezza delle accuse rivolte al presidente Berlusconi e la sua precisa volontà di continuare a offrire il suo contributo al popolo dei moderati'

Le parole di Berlusconi evidenziano la tensione che c'è in questo momento tra le fila del PDl. Infatti è molto probabile che doMani il caso Mediaset si concluda con la conferma da parte della Cassazione della condanna di 4 anni di reclusione e 5 di interdizione dai pubblici uffici. Nonostante le dichiarazioni  di Berlusconi, però è praticamente impossibile che il leader del Pdl vada in carcere. Grazie all'indulto del 2006, tre dei quattro anni previsti della pena sarebbero comunque condonati, e per l'anno residuo la sua età over 60 gli assicurerebbe gli arresti domiciliari anche nella peggiore delle ipotesi. L'interdizione, invece, lo farebbe decadere da parlamentare e, nel caso si tornasse a votare, gli impedirebbe di candidarsi.

Berlusconi viene accusato di frode fiscale per 7,3 milioni di euro nell'ammortamento nelle dichiarazioni dei redditi Mediaset 2002-2003 di diritti tv negoziati all'estero con il produttore americano-egiziano Frank Agrama. Sia in tribunale sia in Appello, Berlusconi è stato riconosciuto colpevole, entrambe le sentenze hanno inquadrato nello stesso modo la responsabilità dei fatti e l'entità della pena. La Cassazione, con ogni probabilità, rappresenta l'ultima spiaggia.

Gli avvocati di Berlusconi  hanno costruito la difesa sostenendo che l'ex premier, non facendo parte di alcun organo amministrativo e non avendo firmato le dichiarazioni dei redditi di Mediaset 2002 e 2003, non potrebbe tecnicamente rispondere di concorso in un reato il cui autore formale (cioè il funzionario firmatario della dichiarazione dei redditi) non è imputato. Per questa ragione esiste anche la possibilità remota dell'assoluzione secca e totale dell'imputato o del rinvio del processo d'appello nel caso in cui la Cassazione accolga uno dei 50 motivi di ricorso presentati dai difensori del capo del Pdl, il senatore Niccolò Ghedini e il professor Franco Coppi.

Lo stesso Berlusconi ha ribadito la sua presunta innocenza nell'intervista rilasciata ieri: 'Facevo il presidente del Consiglio, cosa ne potevo sapere io dei contratti per i diritti televisivi? Non me ne occupavo quando stavo a Cologno, figurarsi se lo potevo fare nei primi anni Duemila quando ero a Palazzo Chigi".

Esiste anche l'ipotesi che domani i legali possano provare a chiedere il rinvio dell'udienza, con l'intento di far cadere il processo in prescrizione una volta superata la data del 15 Settembre. Ma la sensazione è che il rinvio, anche se venisse chiesto, o sarà molto breve o non sarà concesso. Quindi è estremamente probabile che la sentenza se non dovesse arrivare domani, al massimo arriverebbe entro mercoledì. Non resta che attendere quindi.


Articolo letto: 1904 volte
Categorie: Cronaca, Politica, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook