Paghiamo il carburante fior di quattrini perché il Governo ci addebita ancora i costi della Guerra in Abissinia!

Roma
07:37 del 28/10/2014
Scritto da Albertone

Ma lo sapete che, ogni volta che vi fermate dal benzinaio per fare il pieno di carburante, state per pagare ancora i costi sostenuti per la Guerra in Abissinia del 1935? O vi siete forse dimenticati che fra le accise mantenute da questo Governo rientrano ancora le spese per il Canale di Suez, il Vajont e i terremoti che hanno squarciato l’Italia negli anni Settanta e Ottanta? Non vi pare assurdo che noi paghiamo un litro di benzina 1,6 euro solo perché i politici devono incassare miliardi e miliardi di euro per finanziare i loro porci comodi? Ma basta!

Se non sanno come e dove trovare i soldi, che se ne vadano finalmente a casa e ci lascino in pace! Ci sono delle tasse sulla benzina che durano da 70 anni e nessuno si è ancora sognato di togliere: per forza, fino a quando entrano soldi, Roma non si schioda di un centimetro! Ma la vergogna è che il peso delle accise (Iva compresa) grava per il 52% sul prezzo del carburante: insomma, se lo Stato di buon mattino decidesse di togliere tutte le accise, noi un litro di benzina lo pagheremmo la metà! Invece lo paghiamo oro perché tutti ci devono guadagnare e speculare! Volete conoscere l’elenco delle accise che il Governo ci fa pagare ogni volta che prendiamo fra le Mani la pompa e la infiliamo nel serbatoio? Eccovi… serviti, per restare in tema carburanti!

Guerra in Abissinia del 1935 (1,90 lire)

La crisi di Suez del 1956 (14 lire)

Il disastro del Vajont del 1963 (10 lire)

Alluvione di Firenze del 1966 (10 lire)

Terremoto del Belice del 1968 (10 lire)

Terremoto del Friuli del 1976 (99 lire)

Terremoto in Irpinia del 1980 (75 lire)

Missione in Libano del 1983 (205 lire)

Missione in Bosnia del 1996 (22 lire)

Rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004 (0,020 euro, ossia 39 lire)

Decreto Legge 34/11 per il finanziamento della manutenzione e la conservazione dei beni culturali, di enti ed istituzioni culturali (0,0073 Euro)

0,040 Euro per far fronte all'emergenza Immigrati dovuta alla crisi libica del 2011, ai sensi della Legge 225/92

0,0089 per far fronte all'alluvione in Liguria ed in Toscana del novembre 2011

0,112 Euro sul diesel e 0,082 Euro per la benzina in seguito al Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 «Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici» del governo Monti.

Ma lo capite che questi ci stanno prendendo in giro? E che non muovono un dito perché il business è straordinario? In più, ogni centesimo di aumento sul carburante comporta un maggiore introito di circa 20 milioni di euro al mese per le casse dello Stato. Andateglielo a spiegare a lorsignori politici che noi non ce la facciamo più!

 

 


Articolo letto: 892 volte
Categorie: Cronaca, Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

benzina - accise - suez - abissinia -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook