Bei tempi quando con un milione di lire arrivavi a fine mese. Oggi non si paga nemmeno l’affitto con 500 euro!

Benevento
08:41 del 15/02/2015
Scritto da Gerardo

Il costo della vita dall’introduzione dell’Euro è pressochè raddoppiato: il rapporto è praticamente ½. Già alla metà degli anni '80 la società cominciava a diventare più burocratica e meno produttiva. Forse non si ricorda che la preparazione all'Euro fu costellata di vari episodi che iniziarono nel 1992 con un governo che mise una tassa sulla Salute, una sui conti correnti, svariate sulle piccole aziende promettendo l'albero dei zecchini di Pinocchio chiamato Euro. Non c'era nessun imprenditore privato convinto della bontà di entrare a tutti i costi nell'Euro; quando si trovarono oneri su oneri per produrre in regime di strangolamento l'economia era già minata alla radice.

Si era costruito un castello di carte e l'Euro fu il colpo che mise in luce i problemi di tutti: imprenditori che chiudevano a frotte e lavoratori della produzione con potere d'acquisto sempre più ridotto dal freno della burocratizzazione sempre più grande che non produce beni ma entropia. Non condividiamo la concezione secondo cui la lira valesse poco: con 470.000 lire l'industria comprava 1 tonnellata di acciaio da costruzione di qualità, offerta 60 gg. e con 9700 lire comprava 1 kg. di rame elettrolitico oscillazione listino +/-3% . Confronto oggi: 970 Euro/tonnellata l'acciaio da costruzione di qualità (4 volte tanto) salvo il venduto, mentre per il rame le quotazioni sono in tempo reale.

Dunque le materie prime strategiche sono aumentate del doppio rispetto al costo della vita, il costo della vita influenzato dalla caduta della produzione nazionale di beni primari a favore delle importazioni, dalle burocratizzazioni, dalla penetrazione nel mercato al dettaglio del capitale estero. Il drenaggio di capitali dall'Italia è stato un obbligo per consumare beni e arricchire con l'IVA al 20% le casse dello stato, mentre gli introiti fiscali dalle aziende (commerciali e di produzione ex italiane) venuti a mancare perchè sostituiti da operatori esteri. Il messaggio dall'industria appena udito è esplicito: L’ ITALIA NON MERITA PRODURRE per questo si interrompe la produzione con cassaintegrazione e indotto in ginocchio nel periodo natalizio.

Il Prof. Prodi è stato solo uno degli attori che accelerò la demolizione di una industria pubblica (investimento con i soldi del contribuente e lavoro di colletti blu seri e preparati) leader mondiale, il resto solo una china, anzi, un ghiaione.


Articolo letto: 3182 volte
Categorie: Economia


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensate del costo della vita con l'Euro?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Carmine

15/02/2015 08:44:20
Massificati italioti non c'è speranza per voi: vivete con la mentalità di 50 anni fa senza l'umiltà e la grandezza della gente di quel periodo...vi è rimasta solo l'ignoranza e il consumismo, le veline e il calcio...stolti ... Ma la memoria si sa non l'avete.

4

Giovanni

15/02/2015 08:44:03
Come al solito, a suo tempo, anche il fatto della cosiddetta "svendita" della lira venne sventolato strumentalmente dall'allora opposizione ecc ecc. Pensate solo cosa sarebbe successo oggi all'Italia se non si fosse convertita all'Euro? Io non lo voglio immaginare... e pensate che c'è chi ancora vorrebbe un ritorno al "vecchio conio".
6

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook