Il sorteggio di Champions oppone i bavaresi all’undici di Carletto Ancelotti: per quanto visto sino ad ora, erano probabilmente le due squadre che meritavano di giocarsi la finale. E così la semifinale avrà ancora più valore…

Roma
17:27 del 13/04/2014
Scritto da Albertone

Una semifinale che ha il sapore della finale anticipata. Così ha voluto l’urna ed è inutile prendersela col destino, con la (mala) sorte e con la fortuna. Il dado è tratto, ma soprattutto la pallina è estratta. La semifinale di Champions sarà Bayern Monaco – Real Madrid, una supersfida stellare che promette scintille e per molti rappresenta una sorta di finale anticipata. Come detto, non c’è spazio per ripensamenti o modifiche. Così è se vi pare, e anche se non vi pare. Certo, i bavaresi e i madrileni sono le due formazioni che sin qui hanno mostrato il gioco migliore, la “fame” e la grinta necessaria per vincere le partite anche quando in apparenza per loro contavano già nulla. L’undici di Carletto Ancelotti vive delle fiammate incontenibili di un asso come Cristiano Ronaldo ma è tosta, energica, forgiata all’italiana e finalmente concorRenziale col resto della truppa. I blancos hanno dalla loro l’arma in più di un Bernabeu che li spinge all’inverosimile quando si tratta di trasmettere la carica.
Ma il Bayern è la squadra campione in carica, con in panchina un uomo come Pep Guardiola, profondo conoscitore del pallone e dei segreti del calcio, sereno e sempre tranquillo in apparenza. Un autentico uomo immagine che in GerMania ha strapazzato tutti gli avversari in Bundesliga, chiudendo la pratica campionato con tre mesi di anticipo.
Con i vari Robben e Ribery d’altronde in terra teutonica non c’è davvero scampo per gli altri. Attenzione però in campo europeo, dove il pronostico è decisamente più complesso. Il Bayern ha sofferto una squadra teoricamente mediocre come il Manchester United, il Real invece l’ha combinata grossa col Borussia rischiando di veder capottato il 3-0 dell’andata, complice un rigore fallito da Di Maria ad inizio gara che ha letteralmente mandato in bambola i madrileni.
Ma è giusto che in semifinale siano arrivati loro, e sarà probabilmente una di queste due la squadra vincitrice della Champions. Nell’altra semifinale si ritrovano la rivelazione Chelsea del sempre sorprendente Mourinho contro l’Atletico Madrid, autentica corazzata guidata da Diego Pablo Simeone, che dopo aver spazzato via con insolita facilità il Milan si è liberato anche di un ostacolo complicatissimo come il Barcellona. L’impressione è che almeno una squadra finalista sarà spagnola, e questa potrebbe essere proprio l’Atletico.
Il Chelsea ha ribaltato lo svantaggio col Psg sfruttando l’assenza nei francesi di Ibra, ma la sensazione è che nemmeno il genio di Mou possa dare quel quid in più ai londinesi. Dal canto loro, l’Atletico vola sulle ali dell’entusiasmo e potrebbe persino augurarsi una supersfida in finale contro gli acerrimi nemici del Real. Ve la immaginate una finale di Champions tutta madrilena? Spettacolo allo stato puro… Per assistervi, gli ostacoli si chiamano Bayern e Chelsea, Guardiola e Mourinho: gente, insomma, abituata a vendere carissima la propria pelle…


Articolo letto: 2788 volte
Categorie: Calcio, Curiosità


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

bayern - monaco - real - madrid -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook