Bavette scampi e melograno, ricetta. Prendete della pasta, cuocete con un pizzico di fantasia, aggiustate con una noce di curiosità, accostate l’originalità e otterrete questa meraviglia: bavette scampi e melagrana!

Bologna
07:20 del 28/12/2015
Scritto da Carla

Bavette scampi e melograno

Prendete della pasta, cuocete con un pizzico di fantasia, aggiustate con una noce di curiosità, accostate l’originalità e otterrete questa meraviglia: bavette scampi e melagrana! Questo primo piatto di pasta è perfetto per stupire i vostri amici, magari per il cenone di Capodanno. La melagrana si dice portare fortuna e quale migliore modo per cominciare l’anno nuovo, assaporandone i chicchi, come auspicio di prosperità? L’abbinamento con i gamberi è curioso e insolito, ma abbiamo trovato il giusto equilibrio affinché insieme diventino perfetti! Il gusto tondo e deciso dei gambri si unisce perfettamente a quello leggermente acidulo della melagrana. Questo piatto di pesce, siamo sicuri, regalerà alle vostre papille gustative un momento di pura estasi gustativa!

Ingredienti

 Bavette 320 g Scampi 500 g Melagrana i chicchi 100 g Basilico 4 foglie Aglio 1 spicchio Vino bianco 50 g Sale q.b. Pepe q.b.

Preparazione

Bavette scampi e melograno

Per preparare le bavette scampi e melograno iniziate sciacquando il basilico e tagliandolo a listarelle sottili (1). Procedete con la pulizia degli scampi: privateli della testa (2) e con delle forbici incidete la corazza sotto il ventre (3) per facilitare l’eliminazione del carapace.

Bavette scampi e melograno

Dopo averlo tolto, aiutandovi con delle pinze da cucina eliminate l’intestino, se non l'avete potrete sollevarlo con uno stuzzicadenti e poi strapparlo a mano (4), facendo molta attenzione a non romperlo per evitare che alcune parti rimangano attaccate al crostaceo. Riducete ora gli scampi in piccoli tocchetti di eguale dimensione (5). A questo punto lessate le bavette in abbondante acqua salata (6).

Bavette scampi e melograno

Mentre la pasta cuoce, prendete una padella dal fondo antiaderente e fate rosolare uno spicchio di aglio in camicia con l’olio (7). Quando sarà rosolato, eliminatelo. Unite ora i tocchetti di scampi (8) facendoli cuocere a fuoco vivace per 2 minuti circa e mescolandoli per evitare che attacchino al fondo della padella. Insaporite con sale e pepe. Dopodiché sfumate con del vino bianco (9), lasciandolo evaporare.

Bavette scampi e melograno

A questo punto la pasta sarà al dente: scolatela direttamente nella padella con il pesce (10) e aggiungete 1 mestolo di acqua di cottura della pasta per ultimarne la cottura (11). Quando sarà completamente asciugata e assorbita dalla pasta versate anche 50 g di chicchi di melagrana, conservando l'altra metà per decorare il piatto (12).

Bavette scampi e melograno

Insaporite con il basilico (13) e mescolate bene gli ingredienti affinché i profumi si amalgamino (14). Infine impiattate le vostre bavette scampi e melagrana e gustate ancora calde, guarnendo con i rimanenti 50 g di chicchi di melagrana che daranno un colore vivace al piatto (15)!

Conservazione

Le bavette scampi e melagrana andrebbero consumate appena pronte. Se vi dovesse avanzare parte della preparazione potete richiuderla in un contenitore ermetico e conservarla in frigorifero per al massimo 1 giorno.

Sconsigliamo tuttavia la congelazione.

Consiglio

Volete dare una marcia in più a questo piatto così originale? Provate a sfumare i gamberi con il brandy al posto del vino: acquisteranno un sapore molto saporito!

Volete dare a questa pasta un sapore più esotico? Aggiungete anche delle fettine di avocado ben maturo: di sicuro i vostri ospiti non hanno mai assaggiato un piatto così originale!

Curiosità

La melagrana è un frutto dal gusto acidulo e dalla storia interessante. Vasta la simbologia che gli viene attribuita sia nelle diverse religioni che da svariati popoli. Ad esempio la melagrana è uno dei pochi frutti che vengono ritratti nelle monete dell’antica Giudea ma ancora prima nell’antico Egitto venivano utilizzati i suoi chicchi nei riti funebri poiché la melagrana veniva considerata frutto sacro. Inconfondibile il valore simbolico di frutto porta fortuna, inno alla prosperità... continuate anche voi la storia millenaria di questo simbolo assaporandola come auspicio per un felice anno nuovo!


Articolo letto: 715 volte
Categorie: Cucina


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook