Revocata l'esenzione dell'imposta sulle lezioni per il conseguimento della patente di guida“

Roma
09:02 del 16/10/2019
Scritto da Samuele

Patente, incubo aumenti per la batosta Iva: cosa cambia (e chi dovrà pagare)
BATOSTA PATENTI IN ARRIVO - Si dichiarano preoccupati i titolari delle autoscuole italiane che rischiano l'accertamento Iva da parte dell'Agenzia delle Entrate, in ottemperanza a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia Europea, che ha revocato l'esenzione dell'imposta sulle lezioni finalizzate al conseguimento della patente di guida. Tradotto: finora le lezioni per il conseguimento della patente nelle autoscuole non erano soggette all’imposta, ma d’ora in poi lo saranno. Se ciò non bastasse, le scuole guida potrebbero far pagare l’aumento ai clienti, rincarando così il costo finale della patente. E questo potrebbe valere non solo per i nuovi patentati, perché gli aumenti hanno un effetto reatroattivo.



BATOSTA PATENTI IN ARRIVO - Innanzitutto potrebbe scattare un aumento del costo delle sigarette e contestualmente un prelievo maggiorato sulle vincite da gratta e vinci e altri giochi. A questo va aggiunta la plastic tax. Tutti "balzelli" che di fatto si abbatteranno sulle tasche dei contribuenti. Ma in questa manovra c'è anche un'amara sorpresa per le scuole guida e per chi deve prendere la patente. Come riporta Radiocor con la manovra per il 2020, l'Italia adeguerà il suo "ordinamento interno a quello europeo e disciplina le modalità di certificazione dei corrispettivi relativi alle prestazioni didattiche rese dalle autoscuole per il conseguimento della patente". Ma cosa significa?

Di fatto viene prevista l'abrogazione dell'esenzione Iva dal 2020. Contestualmente le autoscuole dovranno predisporsi per la memorizzazione elettronica e la trasmissione a livello telematico di tutti i dati. C'è una proroga temporale però da sottolineare: fino al 30 giugno 2020 le autoscuole potranno rilasciare ancora ricevute e scontrini. La norma, va sottolineato, non è retroattiva. Da questa mossa il governo pensa di incassare un gettito maggiore di Iva di circa 66 milioni per ogni anno.

Sempre sul fronte Iva arriverà anche la precompilata. L’Agenzia delle Entrate elaborerà la pre-compilata Iva a partire dai dati del 2021. Infine per le partite Iva c'è una grossa novità nel dl Fisco: i titolari dovranno obbligatoriamente aprire un conto corrente dedicato esclusivamente a ricevere i pagamenti della loro attività e i prelievi al bancomat per il pagamento delle spese.


Articolo letto: 372 volte
Categorie: , Economia, Nuove Leggi


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook