Il professionista che desidera un portatile leggero, veloce e subito pronto all'uso, dovrebbe orientarsi un notebook dotato di dischi di memoria SSD piuttosto che hard disk.

Bari
13:00 del 08/11/2017
Scritto da Luca

Il professionista che desidera un portatile leggero, veloce e subito pronto all'uso, dovrebbe orientarsi un notebook dotato di dischi di memoria SSD piuttosto che hard disk. Questo perché, quando si parla di velocitàspazio consumi, l’SSD non ha rivali.
L'hard disk, o HDD, è la memoria fissa di un PC ed è formato da un disco magnetico e da una testina che scrive e che serve a memorizzare tutti i dati presenti nel PC, dal sistema operativo ad ogni altro tipo di file. Naturalmente, più dati ci sono da scrivere più il PC può risultare lento, esattamente quello che nessun professionista desidera, quando si deve essere sempre operativi. Per questo, sono sempre più diffusi modelli di notebook dotati di SSD, Solid State Drive, cioè dischi a stato solido. È il caso, per esempio, di Apple con i suoi MacBook e degli Ultrabook, in entrambi i casi notebook ultraleggeri e velocissimi. 
Un SSD è sempre una memoria fissa come l'hard disk, ma fatta in modo diverso: è composto da tanti chip di memoria flash, come la RAM, che hanno dalla loro parte vantaggi fondamentali al fine della portabilità e della leggerezza

La velocità

Come già accennato gli SSD sono da preferire al disco rigido perché permettono di caricare un programma in maniera molto più rapida. Tutto questo incrementa notevolmente le prestazioni del dispositivo. Aspetto che si nota soprattutto durante la fase di accensione. I computer che usano gli hard disk impiegano più tempo per caricare tutti i processi del computer.

Multitasking

Gli SSD permettono di avviare più programmi contemporaneamente, senza che le prestazioni del computer ne risentano. Solitamente con un disco rigido se si decide di avviare la scansione dell’antivirus e il nostro videogame preferito, bisognerà aspettare qualche minuto prima che il computer funzioni al meglio.

Batteria del computer

I computer che montano un disco a stato solido consumano in generale meno batteria rispetto a quelli che possiedono un classico hard disk. Inoltre, aspetto da non sottovalutare, il loro utilizzo surriscalda meno il dispositivo, evitando danni e facili usure. Siccome la temperatura è più stabile anche la batteria lavorerà di meno. Questo si traduce con un corretto funzionamento del sistema di raffreddamento e una vita più lunga per le ventole del nostro PC.

Resistenti

Gli SSD, a discapito di alcune critiche, sono sistemi di stoccaggio molto resistenti. Non hanno parti meccaniche che si possono rompere, e soprattutto sono progettati per resistere alle vibrazioni. Aspetto da non prendere sotto gamba se usiamo il computer portatile e lo trasportiamo continuamente con noi sui mezzi pubblici, in treno o sulla nostra auto.

Per i gamer

Se siamo degli amanti dei videogiochi, o addirittura dei gamer professionistici, gli SSD sono essenziali per rendere i caricamenti dei nostri titoli preferiti più veloci. Le unità a stato solido, come detto, sono ideali per quei giochi con requisiti elevati.


Articolo letto: 424 volte
Categorie: , Informatica, Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook