Trasgressiva, sfacciata, bella e sensuale: ecco la storia di una donna romana entrata nel mondo delle luci rosse dopo aver vissuto una vita “normale” e… orgogliosa di farne ancora parte

Roma
09:21 del 28/02/2014
Scritto da Albertone

A 40 anni si può ancora far sognare gli uomini. La ricetta potrebbe scriverla Barbara Gandalf, nome d’arte frutto dell’unione fra l’Anagrafe e il suo ex cavallo, 41 anni, romana, simpatica a prima vista. Ma, soprattutto, bella e trasgressiva. Barbara non è una casalinga, una mamma, una moglie o una donna in carriera. Forse ha sognato di esserlo quando era ancora giovane, quando lavorava come impiegata, agente di commercio, responsabile di negozi.
Sognava una carriera, di sicuro non pensava che sarebbe entrata nel mondo dell’hard diventandone uno dei personaggi più conosciuti da nord a sud. Barbara la sua storia la racconta così, schietta e sorridente: parla dei suoi 70 film che girano per il web, racconta le giornate trascorse in casa in compagnia dei suoi animali, ammette le delusioni affettive che la vita le ha riservato. Alterna gioie e dolori, speranze tradite e aspirazioni ancora da realizzare. Parla da 40enne, senza remore e senza freni.
Da piccola voleva fare la veterinaria, solitaria nel carattere, libera nell’animo. Quella stessa libertà che oggi preserva in una villetta di Roma, dove concede solo ai suoi 9 cani e 4 pappagalli di interrompere le mattine e i pomeriggi di tranquillità. A 20 anni inizia a lavorare, poco dopo nasce una storia d’amore che la terrà legata ad un unico uomo per dieci anni. Sembra il principe azzurro. Fra loro è intesa a prima vista. Per curiosità iniziano a frequentare locali notturni.

Barbara è a suo agio. “Ero esibizionista ma lo nascondevo. Lì dentro, invece, avevo la possibilità di mostrarmi per come ero”. Inizia a spogliarsi, a buttarsi. “Del giudizio della gente non me ne importava nulla, anche oggi me ne frego. Mi faceva piacere che gli uomini mi guardassero con desiderio”.
I genitori rimangono all’oscuro di tutto. Solo mamma, da poco tempo, ha capito e compreso. “Io non me ne sono mai pentita, se oggi non fossi una pornostar sarei probabilmente una moglie e una mamma con una mentalità molto aperta”. Mamma, racconta lei, non lo diventerà mai “perché non si può far la mamma all’età in cui si è già nonna”. Ma la strada è cambiata anni fa. I suoi spettacoli fanno il giro dell’Italia, in tanti si presentano a bordo palco per ammirarla. “C’è chi mi giudica come una poco di buono e chi mi apprezza. A me piace entrare in sintonia con la gente, essere in mezzo a tanti uomini”.
Uomini che, il più delle volte, sono sposati e con figli: “Ma se sono lì da me, è perché qualcosa a casa manca. Ma è pur vero che l’uomo è depravato per natura, cerca qualcuna con cui fare cose che con altre e magari con la propria compagna non può realizzare”.

L’universo maschile le si apre in tutte le sfaccettature, da star degli spettacoli erotici diventa attrice hard. “Ho voluto compiere un salto di qualità, i film esasperano i miei livelli di trasgressione”. Così, superata la soglia degli “anta”, Barbara è ancora sulla cresta dell’onda. “A volte mi piacerebbe una vita normale, ma non tornerei mai indietro. In fin dei conti penso che tutte le donne siano come me, soltanto che sono più bigotte, più ipocrite. Io non guardo l’aspetto fisico come molte di loro, per me quello che conta sono le sensazioni che mi trasmettono. E guai a farmi sentire donna oggetto: semmai, gli uomini sono i miei oggetti…”.


Articolo letto: 37555 volte
Categorie: Gossip


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook