Barack Obama spia le nostre mail! Ecco la vergogna che stiamo assistendo in questi giorni

Verona
14:45 del 24/02/2015
Scritto da Gerardo

Oggi l’80% delle email fanno una rapida tappa a Washington e a Londra dove vengono copiate e archiviate. Solo le email criptate o protette da particolari misure di sicurezza sfuggono a questo gigantesco setaccio .Seiler si è ovviamente ben guardato dall’esprimere valutazioni politiche, però il tono del suo intervento era chiaro: Era come se chiedesse al pubblico presente: A voi va bene?Non sono un diplomatico ma un giornalista. E posso permettermi di rispondere. No, non va bene. Mi fa molto piacere che il presidente Obama si interessi alla mia vita privata e professionale, coinvolgendo il premier britannico Cameron, ma non è accettabile che tutti i miei messaggi, come i tuoi, caro lettore, siano copiati istantaneamente e memorizzati in un gigantesco database.

In questi giorni stiamo rileggendo, a distanza di 30 anni, 1984 di Orwell e pagina dopo pagina rabbrividiamo: alcune delle misure di controllo sociale del Grande Fratello, immaginate dal grande scrittore inglese, oggi sono realtà. Schedare tutto quel che viene scritto da un cittadino, mappare la sua rete di contatti (sanno a chi scrivo le email, sanno quali sono i miei amici su Facebook, hanno accesso alla mia agenda telefonica tramite WhatsUp) era il sogno di qualunque dittatore: da Hitler a Stalin a Mao ora è diventata realtà per mano di una potenza che fino a ieri era il baluardo contro la dittatura e ora, con il pretesto della lotta al terrorismo, si sta trasformando in un invasivo inquisitore.

E’ un gioco da ragazzi affinare la ricerca nel database e mappare fino a “targetizzare” ognuno di noi. I dati selezionati e affinati possono essere usati per fini impropri o politici da parte di un Paese che non dimostra più grande considerazione per lo stato di diritto, né in patria né in fuori. Snowden, l’agente della Nsa che ha svelato la gigantesca rete di spionaggio dell’intelligence americana, ci aveva avvertiti.

Ora il capo dei servizi segreti svizzero Markus Seiler conferma l’esistenza di una silenziosa, sistematica violazione della libertà e della sovranità di tutti gli Stati. Altro che Isis. La vera minaccia è altrove. Ci stanno portando via tutto, con la silenziosa compiacenza di masse che nemmeno si rendono conto del pericolo e del regresso di civiltà. State all’erta. Il Grande Fratello è proprio lì nel vostro computer. E un giorno tutto quel che scrivete potrà essere usato contro di voi.


Articolo letto: 937 volte
Categorie: Curiosità, Politica, Tecnologia


Domanda Rank Italia
Cosa ne pensi della privacy?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Marco

24/02/2015 15:38:16
La privacy ormai non esiste più. Dai conti bancari alle intercettazioni telefoniche, ormai si è spiati in tutto e per tutto. Il garante della privacy un'altra istituzione con dipendenti raccomandati che non fanno niente ma soprattutto non sanno cosa devono fare!!! Vergogna assoluta!!! Italiani svegliati che dormite come conigli in letargo!!!!
3

Ricerche correlate

Obama - Obama spia mail - Barack Obama - Esteri -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook