La ricetta originale di un piatto della Toscana che ha tutto il profumo del pomodoro fresco. Un pasto completo con patate e pesce in umido

Palermo
10:00 del 19/11/2016
Scritto da Carla

La ricetta originale di un piatto della Toscana che ha tutto il profumo del pomodoro fresco. Un pasto completo con patate e pesce in umido

Da Nord a Sud del Bel Paese se diciamo "baccalà" si apriranno ricettari di ogni sorta, con ricette dedicate al baccalà fritto in pastella , al cremoso baccalà mantecato da spalmare fino al baccalà con patate e olive. Addentrarsi in questa esplorazione gastronomica è un’avvincente sfida che arriva a toccare tradizioni che si sono diramate nel tempo all’interno delle consuetudini familiari. La ricetta che vi proponiamo qui del baccalà alla livornese non è da meno, una pietanza casalinga che conosce piccole varianti che cambiano già solo di casa in casa. Quando arrivò in Italia il baccalà si diffuse in primo luogo sulle zone costiere portato dagli esploratori del Nord Europa, fu così che Livorno conobbe questo pratico modo di conservare il merluzzo e ben presto lo introdusse nella sua cucina divenendo col tempo una pietanza tipica. Con la sua semplicità, i suoi sapori semplici e genuini, il baccalà alla livornese è uno di quei piatti che sfugge alle mode e rappresenta un porto sicuro della nostra cultura culinaria.

Ingredienti

Baccalà dissalato 600 g Farina 00 100 g Vino bianco 40 g Sale fino q.b. Pepe nero q.b. Olio extravergine d'oliva q.b.

PER IL SUGO

Pomodori pelati 800 g Cipolle dorate 1 Aglio 1 spicchio Sale fino q.b. Pepe nero q.b. Olio extravergine d'oliva q.b.

Preparazione

Baccalà alla livornese

Per realizzare il baccalà alla livornese iniziate dalla preparazione del sugo: mondate e affettate le cipolle (1) scaldate un filo di olio di oliva in una padella, aggiungete lo spicchio di aglio intero sbucciato (2) e le fettine di cipolle (3).

Baccalà alla livornese

Lasciate appassire per 3-4 minuti a fuoco dolce bagnando con poca acqua (4), quanto basta per non far asciugare troppo il soffritto. In una ciotola schiacciate i pelati (5), quindi versateli nel tegame con le cipolle (6)

Baccalà alla livornese

Coprite con il coperchio (7) e cuocete a fuoco medio per circa 20 minuti. Nel frattempo tagliate in tranci il baccalà dissalato (8-9) (se avete acquistato il baccalà sotto sale potete dissalarlo seguendo le nostre indicazioni nella scheda: Come dissalare il baccalà).

Baccalà alla livornese

Infarinate accuratamente i tranci di baccalà (10), quindi scaldate un filo di olio in un tegame e adagiate il baccalà (11) facendolo rosolare su entrambi i lati per alcuni istanti, salate (12) pepate.

Baccalà alla livornese

Sfumate con il vino bianco (13) e lasciate evaporare (14). Intanto il sugo sarà giunto a cottura, ora potete eliminare l'aglio (15),

Baccalà alla livornese

quindi versate il sugo nel tegame con il baccalà (16), coprite con il coperchio (17) e lasciate cuocere a fuoco moderato per 45 minuti. Intanto pelate le patate (18)

Baccalà alla livornese

e tagliatele a cubetti (19). Trascorsi i 45 minuti di cottura del baccalà, aggiungete anche le patate (20), coprite con il coperchio (21) e proseguite la cottura per altri 45 minuti.

Baccalà alla livornese

Lavate e tritate il ciuffo di prezzemolo (22), una volta che il baccalà sarà cotto, spegnete il fuoco e aromatizzate con il prezzemolo tritato (23). Servite il vostro baccalà alla livornese ben caldo (24).

Conservazione

Il baccalà alla livornese si conserva in frigorifero in contenitore chiuso ermeticamente non più di 2 giorni. Sconsigliamo di congelare.

Consiglio

In alcune ricette il baccalà viene sfumato con del vin santo che dona un tocco più aromatico. In alternativa ai pelati, quando la stagione lo consente, potete preparare un sugo di pomodoro fresco. Per rendere più saporito il baccalà alcune varianti prevedono l'aggiunta di olive alla preparazione. Oltre alla ricetta del baccalà alla livornese è molto diffusa anche la variante con lo stoccafisso, che prende il nome di stoccafisso alla livornese, in questo caso si utilizza il merluzzo essiccato che necessita anch'esso di ammollo prima dell'utilizzo e prevede una cottura più lunga.


Articolo letto: 452 volte
Categorie: Cucina


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook