«Ad Avellino vivo bene, mi sento avellinese ma per colpa dei miei connazionali adesso mi vergogno di camminare per strada».

Avellino
10:30 del 31/08/2015
Scritto da Gerardo

«Ad Avellino vivo bene, mi sento avellinese ma per colpa dei miei connazionali adesso mi vergogno di camminare per strada».

E’ la denuncia di Papis Koma raccolta dai nostri microfoni stamane ad Avellino quando è andata in scena una vera e propria rissa tra Immigrati davanti alla sede della Prefettura dove un gruppo di cittadini nordafricani protestava a causa della presunta mancata fornitura di documenti e cibo.

Questo ha fatto infuriare Papis Koma, giovane immigrato da diversi anni residente ad Avellino dove lavora e ha famiglia. Papis ha cercato di spiegare ai propri concittadini che non era quello da loro adottato lo strumento giusto per vivere meglio in Italia.

«Ho cercato di fargli capire che ciò che stavano facendo non era la cosa giusta – ha spiegato ai nostri microfoni Papis Koma - . Non è una battaglia intelligente. Le persone intelligenti combattono in u altro modo. A causa di tali comportamenti immigrati che vivono in Italia da anni non possono più camminare a la testa alta. Dovrebbero ringraziare di essere stati salvati dal mare. Qui ci sono persone che guadagnano pochi euro al giorno ma sono felici in Italia con le proprie famiglie. Nessuno di loro ha mai fatto cose del genere. Devono capire che chi vuole stare qui deve lavorare ma non stare in mezzo alla strada a chiedere l’elemosina. Io mi sento avellinese e mi vergogno».


Video

Articolo letto: 2491 volte
Categorie: Cronaca


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Immigrati - Immigrazione - Profughi - Crisi -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook