Autostrade, i furbetti del telepass: ecco come non pagano. Forse non lo sapevate, ma esistono anche i "furbetti del Telepass".

Napoli
10:00 del 06/04/2015
Scritto da Gerardo

Forse non lo sapevate, ma esistono anche i "furbetti del Telepass". C'è chi ha trovato il (pericoloso) modo per non pagare l'autostrada frodando l'occhio elettronico. Ma c'è anche chi è stato scoperto dalla polizia stradale, come un'azienda lombarda che sulla Venezia-Belluno, nell'arco di un anno, non ha pagato pedaggi per 17mila euro e ora rischiano il pignoramento degli automezzi. Il fenomeno, comunque, è molto diffuso: la polizia stradale spiega che sulla A27, nel trevigiano, nell'arco di un anno non sono stati pagati pedaggi per un importo complessivo di 100mila euro.

I due escamotage - Le tecniche utilizzate per frodare le autostrade sono essenzialmente due. La prima, rischiosissima, è quella di entrare da una porta a pagamento e ritirare il biglietto, per poi all'uscita accodarsi a una macchina col Telepass e passare in scia a questa prima che la sbarra si abbassi. La seconda tecnica consiste nel passare da una porta di uscita automatizzata, inserendo una tessera Viacard esaurita. In questo caso è possibile chiedere l'apertura delle sbarre e ritirare lo scontrino, pagando successivamente in contanti o sul sito internet della società entro una settimana (cosa che però, poi, non avviene).


Articolo letto: 684 volte
Categorie: Denunce


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Autostrada - Telepass - Furbetti - Strade -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook