Attenzione italiano! Molti distributori di carburante inseriscono acqua al posto della benzina! Una vergogna all’italiana. Svegliamoci!

Genova
09:30 del 04/03/2015
Scritto da Gerardo

Le ispezioni sono state effettuate su 1.261 pompe: di queste, 174 erano irregolari. Denunciati 11 gestori, mentre per altri 68 è scattata una sanzione amministrativa.

Il 14% dei distributori di benzina controllati dalla Guardia di Finanza non era regolare. Le ispezioni sono state effettuate su 1.261 pompe: di queste, 174 erano irregolari. Per questa ragione sono stati denunciati 11 gestori, mentre per altri 68 è scattata una sanzione amministrativa, tra cui 61 per violazione della disciplina sui prezzi esposti, non corrispondenti a quanto indicato dalle colonnine dopo il rifornimento, e 7 per rimozione dei sigilli che assicurano il corretto e regolare funzionamento degli impianti. I controlli – avvertono le Fiamme gialle – proseguono,soprattutto nel Lazio,dove ci sono state anonime segnalazioni riferite a molti gestori.

In alcuni casi particolarmente gravi è stata riscontrata la presenza di acqua nel gasolio o l’erogazione di carburanti inferiore dell’8-10% rispetto a quanto evidenziato sul display. Tra i casi più eclatanti, uno in provincia di Napoli, dove alcuni automobilisti sono rimasti “a piedi” poco dopo aver fatto il pieno. I finanzieri di Casalnuovo (Napoli) hanno proceduto al prelievo di campioni nei distributori della zona, individuando il responsabile. Le analisi chimiche, immediatamente eseguite in un laboratorio specializzato, hanno confermato la presenza del 15% di acqua. Il gestore è stato denunciato e l’impianto, con 12 colonnine e 2 cisterne contenenti oltre 20.000 litri di gasolio “annacquato”, è stato sequestrato.

Sempre in provincia di Napoli è stato scovato un impianto con le schede elettroniche contalitri Manipolate. In questo modo oltre 1.200.000 litri sono stati venduti in nero e le relative imposte trattenute dal gestore. A Reggio Emilia la benzina erogata risultava essere il 10% in meno di quella indicata, mentre a Palermo i finanzieri hanno scoperto la manomissione dei sigilli di taratura apposti dall’Ufficio Metrico e l’alterazione dei misuratori, con l’erogazione di carburante inferiore dell’8% rispetto a quanto visualizzato sui display.


Articolo letto: 810 volte
Categorie: Cronaca, Denunce, Sociale


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook