Attenzione al bug che riavvia l’Iphone all’infinito. Il fatto che gli iPhone vengano solitamente considerati smartphone più sicuri delle controparti Android non vuol dire che siano invulnerabili

Roma
13:30 del 24/04/2015
Scritto da Gerardo

Il fatto che gli iPhone vengano solitamente considerati smartphone più sicuri delle controparti Android non vuol dire che siano invulnerabili. Alcuni ricercatori infatti hanno appena evidenziato alla Rsa Conference che si sta tenendo in queste ore una vulnerabilità che colpisce proprio i melafonini: un bug nella gestione del protocollo SSL che, se adeguatamente sfruttato, può portare al riavvio del telefono. Lo scenario si può replicare all’infinito, rendendo il gadget praticamente inutilizzabile.

Condizione necessaria per innescare il processo è che le comunicazioni dell’iPhone da e verso la Rete possano essere instradate a piacimento dal malintenzionato verso un sito Internet creato apposta.

Per evitare situazioni del genere dovrebbe essere sufficiente stare lontani dagli hotspot wi-fi sconosciuti. Ma, ad esempio, molti dei telefoni venduti negli Stati Uniti arrivano nei negozi preimpostati per collegarsi in automatico alle reti wireless degli operatori nazionali: per ingannare questi iPhone basta rinominare un access point fasullo con un nome tra quelli utilizzati da At&t e compagnia.


Articolo letto: 533 volte
Categorie: Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Iphone - Android - Attenzione - Guida - Smartphone - ios -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook