Atletica: doping, dopo Tyson Gay positivo anche il giamaicano Asafa Powell.

USA
10:00 del 15/07/2013
Scritto da Marco

Il mondo dell'atletica sconvolta dal Doping. Tyson Gay e Asafa Powell, due campionissimi della velocità, sono risultati positivi a dei test antidoping di qualche mese fa e di conseguenza non parteciperanno ai prossimi mondiali in programma ad agosto a Mosca. L'atletica viene sconquassata da queste incredibili notizie, arrivate l'una a poche ore di distanza dall'altra, che lasciano a dir poco sgomenti appassionati e non. L'unica cosa positiva della questione è che i controlli antidoping fortunatamente ad oggi sono più rigorosi e non lasciano scappare i furbetti di turno, che per un motivo e per un altro fanno la scelta stupida di assumere queste sostanze nel tentativo di migliorare le loro prestazioni. Di fatto però rovinando la propria carriera agonistica insieme alla loro reputazione. Il primo caso riguarda Tyson Gay, velocista statunitense con il miglior tempo sui 100 metri dell'anno con 9 secondi e 75 centesimi. Gay quest'anno era in grandissima forma e in più di un'occasione, come al Golden Gala di Roma, aveva battuto nettamente il fuoriclasse giamaicano e primatista mondiale Usain Bolt. Gay è stato trovato positivo ad un controllo fuori gara del 16 maggio scorso, ancora non nota la sostanza assunta dal velocista. L'Usada lo ha già sospeso, senza neanche aspettare le controanalisi, e quindi l'atleta dovrà rinunciare ai mondiali di Mosca, dove per certi versi era considerato tra i favoriti. Gay afferma di non poter parlare di sabotaggio e di essersi fidato di qualcuno che purtroppo lo ha tradito. Sulla vicenda ne sapremo di più tra qualche giorno, ma al momento la verità rimane questa, amara e incontrovertibile. Gay, classe 1982, quest'anno ha vinto i Trials americani sui 100 e sui 200, lasciando solo le briciole agli avversari. In carriera conta un argento olimpico, tre ori e un argento ai mondiali. L'atleta che doveva essere il principale antagonista di Bolt sarà quindi fuori gara. Un peccato, soprattutto per lui.

A poche ore di distanza un'altra incredibile notizie arriva dalla Giamaica, Asafa Powell, insieme ad altri quattro atleti giamaicani, è stato trovato anche lui positivo all'antidoping. Tutti e cinque gli atleti avevano preso parte ai campionati giamaicani a giugno, dove sono incappati in questi controlli. Nella lista dei positivi anche Sheron Simpson, medaglia d'oro ad Atene, argento a Londra e a Pechino. Intanto dalla Giamaica rimbalzano le prime indiscrezioni su Asafa Powell, che si dice, sia stato trovato positivo per una sostanza presente in un integratore datogli da uno dei suoi preparatori. La sostanza incirminata sarebbe il methylsynephrine  e si dice che questo preparatore incriminato sia già stato prelevato dalle autorità giamaicane per essere interrogato. Mentre sempre da notizie giunte dalla Giamaica si dice che lo stesso Powell abbia già consegnato alla polizia gli integratori incriminati. Intanto a Lignano Sabbiadoro, nell'albergo dove risiedeva Powell, i Nas hanno sequestrato un'ingente quantità di farmaci, flaconi, integratori e pillole. Non si sa ancora di cosa si tratta, ma se fossero sostanze dopanti allora sarebbe ancora la conferma dei comportamenti sbagliati dell'atleta. Un'atleta di fama internazionale che conta un oro ai giochi olimpici, un oro, un argento e due bronzi ai mondiali, nonchè primatista mondiale dei 100 nel 2006. 

Intanto come spesso accade in questi casi, gli sponsor si cominciano ad allontanare dagli atleti incriminati e già il contratto di Gay sarebbe stato sospeso dall'Adidas. é ovvio che queste aziende non possono rovinarsi l'immagine per questi incredibili e sconcertanti episodi. 


Articolo letto: 1971 volte
Categorie: Sport Generici


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Matteo

18/07/2013 15:57:06
Abbastanza triste, speri che certe cose non debbano succedere, e poi... Almeno per rispetto verso gli altri partecipanti, che magari gareggiano in modo pulito, che sono arrivati dove sono grazie al lavoro, tanto sudore e fatica. La bellezza dello sport è nella cultura del lavoro. Così si perde il vero valore dello sport.
0

Ricerche correlate

Atletica - Gay - Powell - Giamaica - velocità - doping - mondiali -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook