Arista di maiale arrosto, ricetta. Quando si parla del pranzo della domenica solitamente si pensa all’arrosto, e quando si pensa all’arrosto spesso si tratta di maiale, anzi, arista di maiale!

Trento
12:00 del 28/04/2016
Scritto da Carla

Arista di maiale arrosto

Quando si parla del pranzo della domenica solitamente si pensa all’arrosto, e quando si pensa all’arrosto spesso si tratta di maiale, anzi, arista di maiale! Come avrete già capito, oggi vi proponiamo una ricetta classica e intramontabile: l’arista di maiale arrosto. Si dice che il termine arista derivi dall’esclamazione di un cardinale greco che, dopo averla assaggiata a Firenze, avrebbe esclamato “Aristos!”, ovvero “il migliore” e da quel momento i fiorentini avrebbero iniziato ad utilizzare il termine in riferimento a questo taglio di carne. L’arista di maiale è ideale da cucinare al forno ma bisogna prestare attenzione a qualche piccolo e semplice accorgimento per fare in modo che la carne trattenga i suoi succhi, mantenendosi morbida e succulenta! In questa ricetta, l’abbiamo accompagnata con delle gustose patate a spicchi che vengono irrorate con il sughetto dell’arrosto in modo che durante la cottura in forno ne assorbano tutto il sapore. Se cercate un secondo piatto irresistibile per un pranzo in famiglia o fra amici, con l’arista di maiale arrosto potete andare sul sicuro, sarà il vostro asso nella Manica! E una volta che avrete preso confidenza con lo spago da cucina, perché non proporre delle varianti più elaborate, come l’arrosto di maiale in porchetta o la lonza di maiale ripiena?

Ingredienti per l'arista

Carne di suino arista 1 kg Vino bianco 60 g Olio di oliva extravergine 40 g Aglio 1 spicchio Rosmarino 1 rametto Sale q.b. Pepe q.b.

PER LE PATATE

Patate 600 g Olio di oliva extravergine 40 g Rosmarino 4 rametti Sale q.b. Pepe q.b.

Preparazione

Arista di maiale arrosto

Per preparare l’arista di maiale arrosto, per prima cosa legate l’arista con lo spago da cucina, in modo che tenga la forma durante la cottura: potete chiedere al vostro macellaio di farlo per voi oppure consultate la nostra scuola di cucina su come legare l’arrosto. Poi infilate un rametto di rosmarino tra lo spago e la carne (1). In una padella, fate scaldare l’olio di oliva extravergine con uno spicchio d’aglio in camicia (2). Aggiungete l’arista (3)

Arista di maiale arrosto

e fatela scottare per 3-4 minuti su ogni lato a fiamma vivace (4), in modo che si formi una crosticina dorata all’esterno (5); salate e pepate a piacere, poi sfumate con il vino (6) e lasciate che evapori completamente. L’arista dovrà rosolare per un totale di 18-20 minuti.

Arista di maiale arrosto

Dopo aver rosolato la carne, mettetela da parte e conservate il fondo di cottura della padella (7), ricordandovi di rimuovere l’aglio. Nel frattempo lavate con cura le patate, tagliatele a metà e poi a spicchi senza togliere la buccia (8). Spargete le patate in una teglia e conditele con l’olio extravergine di oliva (9), sale e pepe.

Arista di maiale arrosto

Aggiungete l’arista di maiale rosolata nella teglia con le patate (10) e irrorate con il fondo di cottura che avevate conservato (11). Infine, rimescolate le patate con un cucchiaio (12),

Arista di maiale arrosto

aggiungete i rametti di rosmarino (13) e cuocete in forno statico preriscaldato a 170° per almeno 60 minuti, finché la temperatura interna della carne non raggiunge i 68° (14), avendo cura di girare sia la carne che le patate verso metà cottura. Terminata la cottura, tagliate la carne a fette e servite la vostra arista di maiale arrosto con contorno di patate saporite (15)!

Conservazione

Potete conservare l’arista di maiale arrosto in frigorifero per 2 giorni, in un contenitore chiuso ermeticamente.

Si può congelare se avete usato ingredienti freschi non decongelati una volta cotta e raffreddata completamente, magari a fette per scongelare solo la parte che vi serve.

Consiglio

Se non avete un termometro per arrosti potete verificare la cottura con la prova dello stecchino: infilate uno stecchino di legno nella carne, se il liquido che fuoriesce è bianco o rosato l’arrosto è cotto, se invece è rosso la carne è ancora cruda; se non dovesse uscire alcun liquido vuol dire che è stato cotto troppo.

Per aggiungere ancora più sapore alla carne, potete marinare l’arista nella birra o nel vino per tutta la notte, aggiungendo il rosmarino o altre erbe aromatiche a piacere. In alternativa alle patate, provate ad accompagnare l’arista di maiale arrosto con un ottimo puré di patate, nella versione classica o golosa!


Articolo letto: 587 volte
Categorie: Cucina


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook