Addio coda allo sportello. Per pagare i bollettini postali, oggi basta tenere in mano un telefonino.

Trieste
12:15 del 06/09/2015
Scritto da Gerardo

Addio coda allo sportello. Per pagare i bollettini postali, oggi basta tenere in mano un telefonino. Il gruppo Poste Italiane sta infatti puntando con decisione sulle app, le applicazioni per i dispositivi mobili come i computer tablet e gli smartphone, i cellulari di nuova generazione. Il software di punta per i clienti della società guidata daFrancesco Caio, che si prepara alla quotazione in borsa, è senza dubbio la app Bancoposta, pubblicizzata nelle ultime settimane con un intenso tam tam promozionale in tv e sui giornali. Si tratta di una applicazione destinata a chi è titolare di un conto correnteBancoposta o di una carta prepagata PostePay ed è scaricabile gratuitamente nella Apple Store per chi possiede un iPhone o un iPad, oppure su Google Play, per chi ha dei dispositivi di altri marchi che funzionano con il sistema operativo Android.

Poste italiane, ecco come cambierà da qui al 2020

Controllare la lista-movimenti, inviare denaro con un bonifico o fare la ricarica del credito telefonico o della carta prepagata: sono alcune delle operazioni eseguibili con la app Bancoposta, alle quali si aggiunge la possibilità di saldare i bollettini in tempi da record.Per eseguire il pagamento, infatti, basta inquadrare con la telecamera dello smartphone un qr code presente sul bollettino stesso, cioè il codice a barre bidimensionale che è riportato ormai su moltissimi prodotti e che contiene diverse informazioni su di essi, come per esempio il prezzo (nel caso dei bollettini l'importo da versare).

Poste Italiane, a cosa serve (se serve davvero) la privatizzazione

La app Bancposta non è però l'unica soluzione per dispositivi mobili sfornata dai tecnici della “scuderia” di Caio. A ben guardare, sono ben9 le applicazioni oggi disponibili per i clienti della società. Per chi va a caccia di prodotti a buon mercato, ad esempio, c'è la app dell'iniziativa ScontiBancoPosta, a cui aderiscono diversi esercizi commerciali in tutta Italia. Poi c'è la app Risparmio Postale, dedicata ai titolari di libretti e di buoni fruttiferi oppure quella denominata Saluti&Foto, per creare cartoline personalizzate, che vengono poi stampate su carta e inviate per posta prioritaria. L'applicazione più innovativa è però indubbiamente Ufficio Postale, che è utilizzabile anche da chi non è correntista della società e consente di avere uno sportello virtuale in palmo di mano . L'app permette infatti di inviare telegrammi o lettere raccomandate, che Poste Italiane provvederà a stampare su carta e a consegnare e al destinatario. Infine, con questa applicazione è possibile anche prenotare il ticket per la fila nell' ufficio postale più vicino (anche se non tutti sono ancora abilitati al servizio), risparmiando tempo e presentandosi allo sportello soltantoo alcuni minuti prima dell'appuntamento. Addio alle code, insomma, o almeno si spera. 


Articolo letto: 881 volte
Categorie: Tecnologia


Cosa ne pensi?
Accedi oppure Registrati per rispondere.
Risposte - Commenti

Ricerche correlate

Poste - Poste italiane - Banca - Carta -

Sponsors notizia
Banner pubblicità Network informazione

Registrazione GRATIS

Come utente registrato puoi:
  • Pubblicare articoli denuncia su 10 blog;
  • Pubblicare post e segnalazioni;
  • Pubblicare articoli sponsorizzati;
  • Creare Campagne SEO con Textlink e Banner;
  • Pubblicare giudizi e commenti

login con facebook

oppure

Login



oppure

Accedi con facebook

Login



oppure

Accedi con facebook

Rimani sempre aggiornato, seguici su Facebook!
.

ACCEDI GRATIS con FACEBOOK

Per continuare a leggere, ACCEDI GRATIS.

Accedi con facebook